This content is not available in your region

Il Partito popolare europeo ha un nuovo presidente: è Manfred Weber

Access to the comments Commenti
Di Sandor Zsiros
Image
Image   -   Diritti d'autore  Euronews   -  

La più grande famiglia politica d'Europa, il Partito popolare, ha eletto un nuovo presidente il cui compito sarà quello di fermare il declino dell'organizzazione.

Al Congresso del Ppe a Rotterdam Manfred Weber ha promesso di mantenere il ruolo centrale dei partiti in Europa e di ricostruire la fiducia.

Così Weber: "Lo faremo di nuovo insieme come Ppe".

Il Ppe ha avuto grosse perdite elettorali in Germania, dove Cdu e Csu hanno ottenuto il peggior risultato dalla seconda guerra mondiale. Alle elezioni presidenziali francesi i democratici cristiani non sono andati al ballottaggio.

Andrej Plenković, Primo Ministro della Croazia: "Il compito chiave sarà, come avete appena sentito dal neoeletto presidente Manfred Weber, consolidare il gruppo prima delle elezioni, per rinvigorire la nostra appartenenza a tutti gli stati membri dell'Unione Europea. E cercare di guadagnare la fiducia dei nostri elettori in tutto il continente europeo ed essere ancora una volta la famiglia politica più forte e il partito politico più forte nell'Unione europea".

Il nuovo presidente, Manfred Weber, manterrà le sue attuali posizioni di capogruppo al parlamento europeo. Ha affermato che il suo compito principale sarà combattere la crisi economica e rendere il Ppe più riconoscibile nell'arena politica europea.

Ancora Weber: "La cosa più difficile è gestire le difficoltà quando si presentano. Questo significa dare una risposta adeguata sulla guerra ed evitare una recessione in Europa dove le persone stanno soffrendo dal lato economico. Il Ppe è il partito del fare. Sappiamo come gestire le cose. Ed è quello che faremo".

Il Ppe è una roccia. Stiamo unificando le posizioni. Dall'estrema sinistra all'estrema destra vediamo a volte proposte estremiste. Ed è ciò che dobbiamo combattere in modo molto democratico.

Il Ppe - che l'anno scorso ha rotto con il partito di Viktor Orbans Fidesz - promette di combattere anche il populismo. Il gruppo spera di avere più successo alle imminenti elezioni svedesi e finlandesi.