This content is not available in your region

Nemici-amici, Spagna e Paesi Bassi si avvicinano sulla questione fiscale

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Image
Image   -   Diritti d'autore  BART MAAT/AFP   -  

Le posizioni fiscali olandesi e spagnole sono molto distanti eppure i due paesi sono molto vicine.  L'Aia naviga diligentemente al di sotto della soglia dell'UE del 60% del rapporto debito/PIL mentre Madrid veleggia al 120%.

Eppure lunedì i due paesi si sono uniti in vista di una revisione in corso delle regole di bilancio dell'UE, cercando il consenso a livello dell'UE in quello che è stato in gran parte un dibattito fra il "parsimonioso" nord e il sud.

"Dobbiamo lasciarci alle spalle le vecchie trincee e i vecchi dibattiti del passato", ha detto a POLITICO il vice primo ministro spagnolo e ministro delle finanze Nadia Calviño. "Questo è il momento di costruire, sulla base del consenso, un approccio credibile e realistico".

"Ciò significa che le nostre regole devono tenere conto del fatto che i rapporti debito/PIL in tutti i paesi europei sono molto diversi da quelli che avevamo prima che la pandemia ci colpisse", ha affermato. "L'Europa deve intraprendere un massiccio sforzo di investimento per garantire la nostra autonomia strategica in questo nuovo contesto geopolitico. Questo è un dato di fatto".

Il dibattito sulle regole fiscali ha perso importanza da quando la Commissione Europea ha segnalato all'inizio di quest'anno che probabilmente estenderà la cosiddetta clausola generale di fuga per un altro anno fino al 2023, il che significa che i paesi non dovrebbero rispettare - e probabilmente violare - l'attuale fiscalità regole ancora per un po'. Ma i due pensano che il dibattito non dovrebbe perdere slancio.

"Indipendentemente dal fatto che la clausola di salvaguardia generale sia estesa o meno fino al 2023 è davvero giunto il momento" di tenere questo dibattito, ha affermato Calviño.

I due paesi hanno spiegato il loro terreno comune in un documento congiunto pubblicato lunedì a margine di una riunione dei ministri delle finanze della zona euro a Lussemburgo. Chiedono ai paesi dell'UE di impostare il proprio percorso di riduzione del debito in un modo che sia "realistico, graduale ma ambizioso, nonché compatibile con la crescita economica e la creazione di posti di lavoro". Riconoscono inoltre che "sostanziali investimenti pubblici dell'UE e finanziati a livello nazionale saranno indispensabili per coinvolgere gli investimenti privati ​​in aree strategiche".