This content is not available in your region

Tre vertici in poche ore. Bruxelles e l'invasione dell'Ucraina

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Tre vertici in poche ore. Bruxelles e l'invasione dell'Ucraina
Diritti d'autore  Olivier Matthys/Copyright 2022 The Associated Press   -  

Questa settimana è stata intensa nella capitale amministrativa europea, con una maratona di vertici che si sono svolti alla presenza del presidente degli Stati Uniti Joe Biden qui, nel quartiere europeo al palazzo del Consiglio europeo e poi alla NATO, dove i leader si sono messi in mostra una dimostrazione di unità, affermando che Vladimir Putin è responsabile della distruzione e delle morti in Ucraina. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha detto che Vladimir Putin non avrebbe mai dovuto sottovalutare l'unità dell'Occidente.

Joe Biden, presidente degli Stati Uniti: "Quello che Putin ha cercato di fare dall'inizio, e lo dico sin dal mio tempo da vicepresidente degli Stati Uniti, è stato distruggere la NATO. Preferirebbe affrontare 30 paesi separati piuttosto che 30 paesi uniti con gli Stati Uniti d'America. Non è uno scherzo, sono terribilmente serio. Credo che questa fosse la sua intenzione sin dall'inizio".

Venerdì il presidente degli Stati Uniti si è unito al presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen per fare un annuncio circa una partnership energetica eccezionale, con gli Stati Uniti che promettono di aiutare l'Unione europea a rinunciare al combustibile fossile russo.

Dice la Commissione Ue, Presidente Ursula von der Leyen: "L'impegno degli Stati Uniti è quello di fornire all'UE ulteriori 15 miliardi di metri cubi di Gas Liquido quest'anno. Un grande passo in questa direzione. Gli Stati Uniti sostituiranno la fornitura di gas naturale che attualmente riceviamo dalla Russia".

Anche il presidente ucraino si è unito a questi incontri questa settimana, sebbene presente solo virtualmente, Zelensky, ha fatto non meno di tre interventi in due incontri a Bruxelles, giovedì. Ma ha riservato la sua richiesta più emozionante per l'ultimo per il vertice europeo, implorando i leader comunitari per un'adesione accelerata dell'Ucraina all'Unione europea. Ha anche chiesto a Viktor Orban, il primo ministro ungherese, da che parte stava. Ma quando si tratta dell'adesione dell'Ucraina all'Unione europea, i leader dell'UE rimangono pragmatici, affermando che sebbene gli ucraini condividano gli stessi valori degli europei, non possono ancora saltare quella coda.

Così Mark Rutte, Primo Ministro dei Paesi Bassi: "L'adesione all'UE è un processo. Non esiste una procedura accelerata per l'adesione. Se dovessimo farlo, trasformeremmo il processo di adesione in un processo politico, e ciò non dovrebbe accadere".

Nel frattempo, alla NATO, il presidente Zelensky ha chiesto ai leader maggiori aiuti militari e l'uno per cento dei loro carri armati. Ma dietro le quinte, i funzionari occidentali ci hanno detto che stanno facendo quello che possono per l'Ucraina e sono preparati per un potenziale attacco chimico, ma che non possono rivelare tutti quei piani perché vogliono mantenere Vladimir Putin a indovinare.

Ora, ho avuto l'opportunità di parlare con Jens Stoltenberg, il segretario generale della NATO, a cui è stato prorogato il mandato di un altro anno. Gli ho chiesto se credeva che Vladimir Putin fosse un criminale di guerra.

Jens Stoltenberg, Segretario Generale della NATO: "Qualsiasi attacco deliberato alle infrastrutture civili civili è un crimine di guerra. Penso che sia estremamente importante che la Corte penale internazionale abbia aperto un'indagine e che i responsabili debbano essere ritenuti responsabili".

Oltre agli incontri e del circo mediatico a Bruxelles questa settimana, la nostra corrispondente Shona Murray ha incontrato l'inviato speciale delle Nazioni Unite in Ucraina, Amin Awad. Lui le ha parlato della situazione infernale sul terreno.

Amin Awad, coordinatore delle crisi delle Nazioni Unite per l'Ucraina: "È una situazione davvero terribile. Quello che sappiamo è che tante persone hanno perso la vita. Altri sono ancora lì dove sono in corso i bombardamenti. La gente vive negli scantinati o nei bunker o si nasconde in un posto o nell'altro. Ma è disperata. Questi sono ancora bambini, donne, anziani e la distruzione è enorme, chiediamo corridoi umanitari per poter entrare. Possiamo far uscire le persone. Alcune persone sono uscite, ma non abbastanza. Penso che tutti dovrebbero avere il diritto di andarsene o rimanere. Dovrebbe essere una scelta".

Shona Murray, Euronews: "E ovviamente ne hanno il diritto, ma sfortunatamente non è stata data loro voce a questo punto durante il conflitto. Quindi cosa si può fare per salvare queste persone prima che muoiano?"

Amin Awad, coordinatore delle crisi delle Nazioni Unite per l'Ucraina: "Penso che le porte di Mariupol dovrebbero aprirsi. Ho chiesto l'apertura di corridoi. Noi chiediamo pause umanitarie per un cessate il fuoco. affinché le persone possano lasciare pacificamente questa città, che è sotto i bombardamenti. Esistono principi umanitari internazionali e dobbiamo rispettarli. Chiediamo alla Russia di permetterci nuovamente di entrare in città e di aprire i cancelli affinché le persone possano andarsene il prima possibile".

Shona Murray, Euronews: "Che tipo di risposta state ricevendo? In quanto parte in conflitto i russi hanno l'obbligo di limitare le morti di civili, limitare le sofferenze crudeli e inutili dei civili. Quale risposta è stata data in merito in questo momento?"

Amin Awad, coordinatore delle crisi delle Nazioni Unite per l'Ucraina: "Per ora, non abbiamo la risposta al nostro appello per corridoi, per l'apertura di percorsi, per il cessate il fuoco o le pause umanitarie. Penso che sia tutto infernale laggiù, e penso che le porte dell'inferno debbano aprirsi in modo che le persone possano uscire".

Shona Murray, Euronews: "Cosa si sta facendo per gli ucraini, per quanto possibile, per fornire loro aiuti umanitari, che si tratti di assistenza medica o cibo e acqua?"

Amin Awad, coordinatore delle crisi delle Nazioni Unite per l'Ucraina: "Allora permettetemi prima di elogiare lo stesso governo ucraino, ed è una macchina sul campo che sostiene il proprio popolo. Inoltre, le società civili ucraine a tutti i livelli, nelle oblast o nella provincia, nei comuni, nelle città o nei villaggi, stanno facendo del loro meglio e distribuendo tutto ciò che possono. La comunità internazionale sta raccogliendo migliaia di tonnellate di cibo provenienti dal Programma alimentare mondiale. Abbiamo centinaia di tonnellate di medicinali provenienti dall'OMS. e altre organizzazioni e ci sono forniture domestiche da molte delle agenzie delle Nazioni Unite, ec'è bisogno di una sovvenzione in contanti a cui stiamo lavorando con il governo centrale per fornire alle persone un'infrastruttura bancaria e finanziaria, c'è bisogo che i fondi arrivino agli sportelli attraverso un sistema finanziario funzionante e una posta funzionante in modo che le persone possano tornare a vivere".

E infine, mentre tutti questi incontri si svolgevano a Bruxelles questa settimana, i manifestanti si sono radunati fuori dalle istituzioni dell'UE e fuori dalla NATO per chiedere la fine della guerra e invocare la pace.

Alcuni si sono persino sdraiati a terra e sono rimasti lì per un paio di minuti per rappresentare i cadaveri, i defunti, coloro che hanno perso la vita in una guerra che sta entrando nella sua quinta settimana.