This content is not available in your region

I prezzi delle materie prime schizzano in alto. Cosa ci aspetta?

Access to the comments Commenti
Di Alice Tidey  & Alberto de Filippis
I prezzi delle materie prime schizzano in alto. Cosa ci aspetta?
Diritti d'autore  Euronews   -  

I prezzi alimentari globali avevano già raggiunto livelli record. Poi la Russia ha invaso l'Ucraina. 

Quando l'esercito russo ha lanciato il suo attacco contro l'Ucraina il 24 febbraio, i prezzi dei generi alimentari in tutto il mondo erano già ai massimi storici. È probabile che la guerra li spinga ancora più in alto.

I prezzi alimentari globali hanno raggiunto un livello record a febbraio, salendo del 24% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, dopo un aumento del 4% su base mensile.

L'area euro non è stata risparmiata dai prezzi di cibo, alcol e tabacco in aumento del 4,1% su base mensile a febbraio, dopo un aumento del 3,5% a gennaio.

Questi aumenti sono stati attribuiti a una varietà di fattori, principalmente energia e trasporti. Il costo per entrambi è aumentato nell'ultimo anno con una domanda di gas naturale e spedizioni che ha superato di gran lunga l'offerta mentre le economie di tutto il mondo si sono scrollate di dosso il loro torpore indotto dal COVID-19.

Poi la Russia ha invaso il suo vicino – sostenendo falsamente che l'attacco era necessario per prevenire il genocidio delle autorità ucraine nell'est del Paese – e la reazione sui mercati è stata immediata.

I prezzi del grano sono aumentati del 50%

L'Ucraina e la Russia sono comunemente indicate come il granaio del mondo, producendo circa il 30% dei prodotti alimentari come grano e mais. La sola Ucraina – il paese è 28 volte più piccolo della Russia – fornisce rispettivamente il 16% e il 12% del grano e del mais del mondo.

A due settimane dall'inizio del conflitto, Kiev ha preso la decisione di vietare le esportazioni di generi alimentari, dando la priorità al nutrimento della sua popolazione poiché una crisi umanitaria - aggravata dalle ripetute violazioni del cessate il fuoco che rende impossibile ai convogli di aiuti di raggiungere le città chiave - è iniziata.

Da allora la Russia ha seguito l'esempio, vietando le esportazioni di grano fino alla fine di giugno.

Nessun scaffale vuoto in Europa

"Non credo che vedremo scaffali vuoti per nessun prodotto alimentare in Europa, e il motivo è, prima di tutto, che non importiamo grano dall'Ucraina o dalla Russia, o almeno non in grandi quantità", ha affermato a Euronews Matin Qaim, professore di economia agraria e direttore del Center for Development Research dell'Università di Bonn.

"Stiamo importando mais dall'Ucraina ed è utilizzato principalmente come mangime per animali, quindi è qualcosa che però potremmo avvertire", ha aggiunto.

Inoltre, la nostra produzione alimentare è fortemente meccanizzata, quindi il prezzo delle materie prime gioca un ruolo minore nel prezzo del prodotto finito.

"Questo significa che se il prezzo del grano aumenta, il pane potrebbe diventare più costoso di appena qualche centesimo", ha aggiunto Qaim. Questo però  non proteggerà gli europei dall'aumento dei prezzi dei generi alimentari.

"Ovviamente, ci sono molti altri componenti, come l'energia e il costo della manodopera, il costo per i macchinari, il costo per il trasporto, il costo per il marchio, l'imballaggio dei prodotti: tutto questo confluisce in esso. E ciò significa che quando il prezzo del grano raddoppierà - ora è il doppio del livello di due anni fa - ciò non significa che il prezzo del pane raddoppierà nel nostro contesto", ha sottolineato.

In arrivo 'prezzi alimentari molto alti'

I prezzi dei generi alimentari sono fissati a livello internazionale e con Ucraina e Russia che tirano entrambe le esportazioni per ora, ciò continuerà ad avere un impatto. La durata dell'impatto dipenderà dalla durata della guerra e dallo stato delle infrastrutture una volta che la polvere si sarà depositata.

Le autorità ucraine hanno accusato la Russia di prendere di mira deliberatamente le attrezzature agricole e i porti del Mar Nero, un importante snodo commerciale per il grano, sono già stati gravemente danneggiati.

C'è anche incertezza su ciò che la Russia esporterà. Le sanzioni commerciali imposte dai paesi occidentali impediranno le grandi esportazioni? E la leadership russa consentirà anche alle esportazioni di passare piuttosto che estendere il divieto a più paesi e nel corso dell'anno?

"I prezzi dei generi alimentari sono così alti e il grano e il pane di frumento sono il principale alimento base per la popolazione russa. La gente in Russia è piuttosto povera e se i prezzi del pane aumentano davvero, allora potrebbero esserci disordini. Ed è qualcosa che il presidente russo Vladimir Putin cerca davvero di evitare", ha sottolineato Qaim.

È probabile che un'ulteriore incertezza su ciò che gli altri paesi faranno per proteggere la propria popolazione dall'aumento dei prezzi o per beneficiare del loro aumento aggraverà il problema. Ad esempio, l'Argentina, uno dei maggiori esportatori mondiali di prodotti a base di soia, ha già annunciato che interromperà le esportazioni.

Tutto ciò "significa che quest'anno 2022 probabilmente affronteremo prezzi alimentari alti e molto alti", ha sottolineato Qaim.

L'UE "deve costruire la resilienza dei sistemi alimentari"

La Banca Centrale Europea ha già aggiornato le sue previsioni di inflazione per l'anno, prevedendo che l'inflazione per il 2022 raggiunga il 5,1%. Ha segnalato che i prezzi dell'energia dovrebbero rimanere elevati e che anche altre materie prime, inclusi cibo e metalli, "potrebbero essere gravemente colpite dal conflitto, dato il ruolo della Russia e del Regno Unito.

Ha avvertito che l'inflazione alimentare "rimarrà alta per tutto il 2022, a causa degli alti prezzi delle materie prime e degli straordinari aumenti dei prezzi del gas e dell'elettricità, che rappresentano circa il 90% dei costi energetici totali dell'industria alimentare trasformata e sono un fattore importante per la produzione di fertilizzanti".

Alcuni attori del settore europeo hanno già lanciato l'allarme, tra questi l'Associazione nazionale francese delle industrie alimentari (ANIA) che all'inizio di questo mese ha chiesto al governo di fornire supporto al settore per mitigare l'impatto della guerra su prezzi e forniture.

Un portavoce dell'UE ha ammesso a Euronews che "è probabile che i prossimi mesi solleveranno sfide per il nostro sistema agroalimentare".

"In questa fase, non vi è alcuna minaccia immediata per la sicurezza alimentare nell'UE poiché l'UE è un grande produttore ed esportatore netto di cereali. L'impatto immediato risiede piuttosto nell'aumento dei costi lungo tutta la catena di approvvigionamento alimentare, nell'interruzione del commercio flussi da e verso l'Ucraina e la Russia, nonché al loro impatto sulla sicurezza alimentare globale.

"A breve termine, la sfida deriva dall'aumento dei prezzi dei fattori di produzione come energia, fertilizzanti e mangimi e dall'impatto dell'aumento dei prezzi dei prodotti alimentari sulla società. A medio termine, abbiamo bisogno di un'agricoltura sostenibile, produttiva e resiliente, basata su le strategie Farm to Fork e Biodiversity", hanno aggiunto.

La Commissione sta attualmente lavorando per identificare le misure a breve ea lungo termine che può attuare per rafforzare la resilienza dei sistemi alimentari del blocco. Una comunicazione in tal senso è prevista provvisoriamente per il 23 marzo.