This content is not available in your region

Ungheria e Polonia punite dall'Unione Europea per non rispettare lo stato di diritto

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Ungheria e Polonia punite dall'Unione Europea per non rispettare lo stato di diritto
Diritti d'autore  STR/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved   -  

La Corte di giustizia si pronuncia a favore di subordinare l'erogazione di denaro contante dall'UE al rispetto dello stato di diritto da parte di un paese-membro.

L'alta corte ha respinto una domanda di Polonia e Ungheria, secondo cui lo strumento di bilancio superava le competenze dell'UE.

Il cosiddetto meccanismo dello Stato di diritto o della condizionalità potrebbe vedere il denaro trattenuto se uno Stato membro non rispetta i valori fondamentali comunitari.

Questi includono democrazia, uguaglianza, rispetto dei diritti umani, discriminazione e giustizia.

"Il rispetto di questi valori non può essere ridotto a un obbligo che uno Stato candidato deve soddisfare per poter aderire all'Unione europea e che potrebbe disattendere dopo l'adesione", hanno affermato i giudici.

La sentenza, emessa mercoledì mattina, apre la strada alla Commissione europea per applicare per la prima volta il meccanismo e chiedere il congelamento dei fondi Ue, un processo che potrebbe richiedere dai cinque ai nove mesi.

Il nuovo strumento "è stato adottato su una base giuridica adeguata, è compatibile con la procedura di cui all'articolo 7 TUE e rispetta, in particolare, i limiti dei poteri conferiti all'Unione europea e il principio della certezza del diritto", ha scritto la Corte di giustizia .

In tal modo, la corte ha respinto un tentativo di Ungheria e Polonia - i cui governi sono stati ripetutamente accusati di aver violato i valori fondamentali dell'UE - di screditare il meccanismo, mettere in dubbio la sua validità legale e ritardarne l'esecuzione.

Come è arrivato il caso alla Corte di giustizia?

Budapest e Varsavia hanno avviato un'azione legale contro il Parlamento europeo e il Consiglio dell'UE, i due colegislatori, all'inizio del 2021.

Nel corso del contenzioso, le istituzioni sono state supportate dagli interventi della Commissione Europea, che ha redatto la proposta originaria, nonché di Belgio, Danimarca, Germania, Irlanda, Spagna, Francia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Finlandia e Svezia.

La sentenza del Lussemburgo esprime un avallo inequivocabile del meccanismo di condizionalità, senza fare concessioni alle doglianze avanzate da Ungheria e Polonia.

"La sana gestione finanziaria del bilancio dell'Unione e gli interessi finanziari dell'Unione possono essere gravemente compromessi da violazioni dei principi dello Stato di diritto commesse in uno Stato membro", ha affermato la corte.

Qual è stata la reazione alla sentenza?

Il governo polacco ha affermato che la sentenza è stata "un attacco alla sua sovranità nazionale", mentre il ministro della Giustizia ungherese Judit Varga l'ha definita "un giudizio motivato politicamente" e "la prova vivente che Bruxelles sta abusando del suo potere".

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha accolto favorevolmente la sentenza e ha affermato che il suo team incorporerà le conclusioni della corte nella propria strategia.

"Ho promesso che nessun caso sarebbe andato perso. E ho mantenuto quella promessa", ha detto von der Leyen in una nota.

"Laddove le condizioni del regolamento saranno soddisfatte, agiremo con determinazione. I giudizi di oggi confermano che siamo sulla strada giusta".

Qual è il meccanismo della condizionalità?

Il meccanismo è stato concepito parallelamente ai negoziati sul bilancio pluriennale dell'UE di 1,1 trilioni di euro e sul fondo per la ripresa del coronavirus da 750 milioni di euro.

L'aumento del potere finanziario ha portato a rinnovati appelli a rafforzare il rispetto dello Stato di diritto, un dibattito che infuriava già ben prima dello scoppio della crisi sanitaria.

A seguito di negoziati alla fine del 2020, che includevano minacce di veto fallite, il sistema è entrato in vigore nel gennaio 2021.

L'Ungheria e la Polonia hanno avviato le loro azioni legali poco dopo.

Finora il sistema non è mai stato attivato, nonostante i drammatici sviluppi degli ultimi mesi.

All'inizio di ottobre, la Corte costituzionale polacca ha emesso una sentenza straordinaria che contestava direttamente il primato del diritto dell'UE, uno dei principi cardine, e la competenza della Corte di giustizia.

Il verdetto ha suscitato shock e fatto infuriare molti capi di governo e parlamentari europei, che hanno chiesto un'azione immediata da parte della Commissione europea.

Ma von der Leyen ha detto che il suo team avrebbe aspettato fino a quando la Corte di giustizia ha emesso il suo verdetto e confermato la validità legale dello strumento. L'esecutivo ha anche affermato che stava redigendo una serie di linee guida per aiutare i funzionari a implementare lo strumento.

Le spiegazioni non sono bastate agli eurodeputati, che avevano citato in giudizio la Commissione per inerzia.

Quanto è potente il meccanismo e come funzionerà in pratica?

Le regole del meccanismo conferiscono alla Commissione Europea, spesso definita "custode dei trattati", il potere di avviare la procedura per il congelamento dei fondi Ue.

In primo luogo, l'esecutivo deve avviare una causa legale contro uno Stato membro sospettato di aver violato il diritto dell'UE e di mettere in pericolo il bilancio comune. Il paese accusato può rispondere alle accuse dell'esecutivo, scambiare informazioni e tentare di correggere la situazione illecita.

Se la Commissione europea ritiene che l'illecito persista, può emettere formalmente una raccomandazione per congelare i fondi dell'UE. La decisione passa quindi agli Stati membri, che devono approvarla entro una maggioranza qualificata (55% dei paesi dell'UE che rappresentano almeno il 65% della popolazione totale dell'UE).

Tra le potenziali misure punitive figurano la sospensione dei pagamenti, la risoluzione degli impegni legali, il rimborso anticipato dei prestiti o il divieto di stipulare nuovi accordi finanziari. Le misure possono essere successivamente revocate se il paese disciplinato corregge la situazione.

In totale, secondo i funzionari dell'UE, l'intera procedura può richiedere da cinque a nove mesi.

Oltre alla lunga durata, gli esperti hanno lanciato l'allarme sulla portata ristretta del regolamento. La Commissione europea può agire solo quando le violazioni del diritto dell'UE rappresentano un "serio rischio" per la gestione finanziaria o gli interessi finanziari del blocco.

"Tale violazione deve riguardare una situazione o un comportamento imputabile a un'autorità di uno Stato membro e rilevante per la corretta esecuzione del bilancio dell'Unione", ha sottolineato la Corte di giustizia.

Il collegamento diretto potrebbe rivelarsi difficile da dimostrare ed escludere violazioni che non riguardano il bilancio dell'UE. Il regolamento, tuttavia, elenca i pericoli per l'indipendenza della magistratura come uno dei potenziali scenari che potrebbero meritare l'applicazione del meccanismo.

Che succede ora?

Tutti gli occhi ora sono puntati sulla von der Leyen, che dovrà fare l'ultimo appello sull'attivazione della procedura di bilancio. L'Ungheria terrà le sue elezioni nazionali il 3 aprile, una circostanza politicamente delicata che potrebbe influenzare gli eventi.

Negli ultimi mesi, funzionari della Commissione europea hanno scambiato lettere con le autorità ungheresi e polacche in merito ad alcuni aspetti che l'esecutivo considera dannosi per lo stato di diritto, come la presunta corruzione in Ungheria e le accuse di mancanza di indipendenza giudiziaria in Polonia.

Queste lettere non rappresentano un avvio ufficiale del meccanismo di condizionalità, ma implicano che si sta costruendo un procedimento legale contro entrambi i paesi, che sono beneficiari netti dei fondi dell'UE.

Nel 2020, la Polonia ha ricevuto 18 miliardi di euro dal bilancio del blocco, mentre l'Ungheria ha ricevuto 6 miliardi di euro.

Data la natura non testata dello strumento, non è ancora chiaro quanto possa essere efficace nella pratica. Se eventualmente approvata, la sospensione dei fondi UE riguarderebbe enti governativi e autorità pubbliche a livello nazionale, regionale e locale.

Sebbene il regolamento includa disposizioni per garantire che i beneficiari finali dei fondi dell'UE, come ONG e agricoltori, finiscano per ricevere i soldi e non ne paghino il prezzo, l'avvio del processo potrebbe alimentare il sentimento anti-UE all'interno del paese punito.

Sia la Polonia che l'Ungheria sono ancora in attesa dell'approvazione dei loro piani nazionali di risanamento, che li aiuteranno ad attingere al fondo da 750 miliardi di euro. La Commissione europea ha rifiutato di dare il via libera ai loro programmi fintanto che le questioni relative allo stato di diritto non saranno affrontate.

Nel frattempo, i due paesi restano soggetti alla procedura dell'articolo 7, che potrebbe privarli del diritto di voto sulla politica dell'UE. Il processo è in stallo da anni perché richiede l'unanimità di tutti gli Stati membri (meno il Paese accusato). Polonia e Ungheria hanno promesso di bloccarsi a vicenda.