This content is not available in your region

Ondate di calore e neve: cosa sta accadendo al clima dell'Antartide?

Ondate di calore e neve: cosa sta accadendo al clima dell'Antartide?
Diritti d'autore  euronews   -  
Di Jeremy Wilks

Gli ultimi dati di Copernicus mostrano che a marzo l'estensione della banchisa antartica è stata del 26% inferiore alla media, la seconda più bassa mai registrata. Il restringimento della banchisa è stato particolarmente evidente nei mari di Ross e Amundsen. Una vasta area dell'Antartide orientale sia stata attraversata da un'ondata di calore.

Una massa di aria più calda ha attraversato il continente, spingendo le temperature alla stazione di ricerca Concordia dai soliti 55 gradi sotto zero a un nuovo massimo storico: 11,5 gradi sotto zero. Le temperature in Antartide possono variare molto: questo fenomeno quindi è davvero nuovo?

"In termini di ciò che sappiamo sul clima antartico sì, è un fenomeno senza precedenti -dice Jonathan Wille, climatologo dell'università di Grenoble -. I nostri primi dati sull'Antartide sono più recenti rispetto al resto del mondo civilizzato, ma questo è un evento alla pari con l'ondata di calore nel nord-ovest del Pacifico nel giugno del 2021: un evento che ridefinisce ciò che pensavamo fosse possibile per il sistema climatico".

La stazione di ricerca Concordia si trova in un deserto di ghiaccio a più di mille chilometri dalla costa e a più di tremila metri di altitudine. Tuttavia, a metà marzo, la situazione climatica è cambiata. "Abbiamo avuto un accumulo di 10 centimetri di neve, più di quanta ne cada di solito in un anno - dice Julien Witwicky, scienziato francese dell'Institut Polaire -. Così, invece di camminare facilmente sulla neve compatta, siamo sprofondati nella neve soffice per diversi giorni. Ricorda più le Alpi francesi che l'Antartide".

L'insolita nevicata nei pressi della Concordia potrebbe essere parte di una tendenza più ampia. La stazione tedesca Kohnen, anch'essa situato molto in alto e nell'interno, ha registrato un aumento delle nevicate del 20% negli ultimi 20 anni. L'anno scorso la stazione costiera tedesca di Neumayer ha registrato il 50% di neve in più rispetto alla media.

"Quello che è succeso è parte del riscaldamento globale - dice Olaf Eisen, professore di Glaciologia dell'università di Brema -. Quando l'atmosfera diventa più calda può trattenere più umidità e più umidità significa più nevicate". Una domanda che in molti si fanno è se queste nevicate extra potrebbero compensare anche solo una piccola percentuale del ghiaccio perso dagli oceani. Il mese scorso la piattaforma di ghiaccio Conger - un'area grande quanto Roma - è crollata dopo anni di instabilità.

L'opinione generale è che l'Antartide continuerà a perdere massa, visto che gli oceani più caldi e l'aria contribuiscono ad assottigliare le piattaforme di ghiaccio, rendendole sempre più instabili. "Quello che posso dire perché sono sul terreno e posso vederlo da più di 15 anni, è che tutte queste piattaforme di ghiaccio che si staccano dal ghiaccio continentale, con un effetto diretto sul livello dell'oceano, continueranno ad aumentare - dice Alain Hubert, presidente della Fondazione polare internazionale -. Questo è sicuro, perché l'acqua si sta riscaldando ed è un fenomeno che non cambierà nel prossimo decennio".