Dal cinema al teatro: lo stretto legame tra Francia e Portogallo

Dal cinema al teatro: lo stretto legame tra Francia e Portogallo
Diritti d'autore  euronews   -  
Di Nuno Prudêncio

Quest'anno nel corso della Stagione trasversale Francia-Portogallo sono stati presentati oltre 200 progetti artistici nei due Paesi. Tra questi c'è quello della compagnia portoghese Dançando com a Diferença.

"È una compagnia di inclusione, ci sono persone con disabilità e persone senza disabilità - dice Tania Carvalho, coreografa della compagnia -. Ma è una compagnia professionale. La mia sfida non è stata diversa da quella delle altre compagnie. Si tratta di sfruttare le qualità di ogni interprete, è quello che faccio sempre con tutti gli interpreti. Gli interpreti sono diversi, hanno tutti le loro abilità o disabilità. In questo caso, li ho trovati molto stimolanti. Sono molto creativi per natura".

Le manifestazioni creative hanno assunto le forme più diverse. È il caso, per esempio, di"Une chambre en ville", un'installazione in cui l'artista Ana Jotta ha ricreato uno spazio intimo in un appartamento che sta per essere demolito.

"In generale non mi piace esporre nelle gallerie, soprattutto dopo un certo numero di anni di lavoro - dice Jotta -. Così ho sfruttato questa possibilità. Mi sono installata in un appartamento che ho arredato e decorato. È quello che ho fatto qui nella 'Chambre en Ville'. Mi è stata data la possibilità di farlo. È una cosa che mi piace".

"Questi due Paesi hanno un passato comune, un relazione molto forte, culturale ma anche amichevole, legata anche al periodo della dittatura - dice Emmanuel Demarcy-Mota, presidente della Stagione Francia-Portogallo 2022 -. Ci sono molti portoghesi qui in Francia. La stagione 2022, con più di 50 città portoghesi e 80 francesi coinvolte, ci ha permesso di vedere a che punto siamo. È un momento eccezionale".

Questo momento eccezionale si riflette anche nella crescente circolazione di artisti tra i due Paesi. È il caso di Tiago Rodrigues, che dirigerà il Festival di Avignone e che ha portato in Francia alcune delle sue opere teatrali nel corso della stagione. Per quanto riguarda il cinema, l'evento è anche un'occasione per scoprire nuovi talenti come Sofia Bost, giovane regista che ha presentato uno dei suoi corti alla Cineteca francese di Parigi.