Il film di animazione sulla genesi di Petit Nicolas premiato ad Annecy

Il film di animazione sulla genesi di Petit Nicolas premiato ad Annecy
Diritti d'autore  euronews
Di Frédéric Ponsard

Ogni anno a giugno Annecy diventa la capitale mondiale del cinema di animazione. Un appuntamento fisso per i principali studi americani, creatori indipendenti e appassionati di tutto il mondo. Quest'anno il festival ha reso omaggio al 78enne Michel Ocelot, regista di "Kirikù e la strega Karabà", premiato con il Cristallo d'onore alla carriera.

"Sento di essere diventato un narratore, all'inizio pensavo di essere principalmente un disegnatore - ha detto Ocelet a Euronews - ma col passare del tempo ho capito che mi piaceva raccontare storie, è come un piccolo meccanismo che si mette in moto, va dove voglio io e si ferma quando ne ho bisogno, né troppo presto né troppo tardi". Il suo ultimo film, "Il faraone, il selvaggio e la principessa", uscirà in Europa in autunno.

Il festival si è concluso con la cerimonia di consegna dei premi, tra cui quello per il miglior film d'animazione, andato al il film franco-lussemburghese "Le Petit Nicolas", co-diretto da Amandine Fredon e Benjamin Massoubre. Il film racconta la storia del personaggio, protagonista dei libri illustrati creati da René Goscinny, uno dei padri di Asterix, e Jean Jacques Sempé.

Il Premio della Giuria è andato al film "Vietato ai cani e agli italiani" del regista franco-italiano Alain Ughetto, che racconta la storia dei suoi nonni piemontesi emigrati in Francia. Una storia sull'Europa e le sue migrazioni, con l'immancabile paura dello straniero sullo sfondo. "È un film europeo, è stato coprodotto da Svizzera, Belgio, Italia e Portogallo - ha detto Ughetto -. Ho lavorato con giovani provenienti da tutta Europa".