This content is not available in your region

"Questo non è un film": le riprese del regista Valentyn Vasyanovych sotto le bombe

Il regista Valentyn Vasyanovych durante l'intervista.
Il regista Valentyn Vasyanovych durante l'intervista.   -   Diritti d'autore  Euronews   -  
Di Cristiano Tassinari  & Euronews Cult

Sono immagini girate qualche giorno fa in Ucraina, a Irpin, vicino a Kiev, dal regista Valentyn Vasyanovych e pubblicate sul Facebook del suo produttore Vladimir "Volodya" Yatsenko.

La vita quotidiana, per così dire, degli ucraini: le bombe che cadono, la gente che fugge, i soldati che aiutano...

Il regista e i suoi collaboratori hanno portato in salvo le loro famiglie prima di tornare a casa, a Kiev, e continuare a svolgere il loro lavoro. 

"Vivo tra Kiev e una casa residenziale fuori della capitale", spiega Valentyn Vasyanovych, in collegamento video.  
"Spesso, io, Volodya e gli altri ragazzi usciamo in auto, facendo attenzione, e filmiamo quello che accade, semplicemente immortalando gli eventi, non per usarli in qualche film, ma perché la gente possa poi utilizzarli come pezzi della loro storia, come testimonianza e ricordo di quanto sta accadendo. Questo non è un film."

Euronews
Valentyn Vasyanovych in collegamento da Kiev.Euronews

Nei suoi film precedenti, come in "Reflection" (titolo originale: "Vidblysk"), presente nella selezione ufficiale a Venezia lo scorso anno, il regista aveva raccontato l'invasione russa nel Donbass e un altro film, "Atlantis", è ambientato nell'Ucraina del 2025, un futuro nemmeno così lontano. 

In ogni caso, stavolta la realtà ha superato la finzione. 

Racconta Valentyn Vasyanovych: 
"Va cosi: la mattina ho un tipo di emozioni, la sera un altro tipo. Quando c'è il sole e il cielo è blu mi sento pieno di speranza e ottimismo, credo nella vittoria. Ma la sera tutto si accumula, le notizie non sono sempre buone. Ci sono molti rapporti che dicono che le nostre forze armate stanno vincendo e conservando il territorio. Ma ci sono anche notizie che ti distruggono il morale: un gran numero di vittime tra i civili, bambini e donne. Le notizie che arrivano da Mariupol, Kharkiv, Bucha, Irpin e altre città...".

Joel C Ryan/2021 Invision
Altri tempi. Valentyn Vasyanovych al Festival di Venezia. (6.9.2021)Joel C Ryan/2021 Invision

Come in un diario, Valentyn Vasyanovych e i suoi collaboratori filmano, giorno per giorno, scene che sembrano uscite da un film catastrofico.

Senza filtro e senza messa in scena, solo la realtà.

Ma questo non è un film.