This content is not available in your region

S.A.C.R.E.D.: Ai Weiwei il Don Chisciotte cinese

S.A.C.R.E.D.: Ai Weiwei il Don Chisciotte cinese
Di Euronews

<p>“La libertà, Sancio, è uno dei più preziosi doni che i cieli abbiano mai dato agli uomini”. Lo dice Don Chisciotte e lo sussurra, cupamente, <a href="http://poeticadelalibertad.com/ai-weiwei/">l’installazione di Ai Weiwei</a> ospitata in questi giorni dalla cattedrale di Cuenca, cittadina medievale situata nel centro della Spagna.</p> <p>S.A.C.R.E.D. è costituita da sei parallelepipedi di metallo contenenti diorami a grandezza naturale che riproducono scene dalla detenzione dell’artista, incarcerato in Cina nel 2011 per ottantuno giorni con il pretesto di aver evaso il fisco.</p> <p>Per il curatore Carlos Aganzo, Ai Weiwei “È l’artista che riesce a rompere i limiti dell’arte per trasformarla in una forma di comunicazione mondiale. Credo che questo sia il vero successo dell’opera di Ai Weiwei, essere in grado di trasmetterla a tutto il mondo, avere un senso globale dell’arte come mai è stato fatto prima. Ma si tratta anche di arte militante, un’arte che vuole attirare l’attenzione sulla libertà e sui diritti umani, sugli oppressi e sui problemi che il pianeta si trova ad affrontare”.</p> <p>L’installazione fa parte della mostra <a href="http://poeticadelalibertad.com/">La poetica della libertà</a>, uno degli eventi organizzati in Spagna per celebrare il quattrocentesimo anniversario della morte di Miguel de Cervantes. </p> <p>Anche il creatore del Don Chisciotte conobbe le carceri, quelle ottomane di Algeri, dove fu detenuto per cinque anni, dal 1575 al 1580.</p> <p>S.A.C.R.E.D. di Ai Weiwei resterà in mostra nella cattedrale di Cuenca fino al 6 novembre.</p>