Via a Pyeongchang 2018, tutte le foto della cerimonia d'apertura

In un freddo polare (temperature sotto zero, siamo a 1.300 metri d'altezza), con l'immagine del ghiaccio al centro dello stadio e i fuochi di artificio in cielo, ha preso il via la cerimonia di apertura delle Olimpiadi invernali di Pyeongchang. Si finisce il 25 febbraio. 

Un'edizione numero 23 dal significato storico. Sono state ribattezzate "le olimpiadi del disgelo", gli atleti delle due Coree che sfilano insieme sotto un'unica bandiera. Un evento sportivo di valenza anche politica, quando dal gennaio scorso sono iniziati i colloqui inter-coreani che hanno sancito la ripresa del dialogo.

E' la seconda volta che la Corea del Sud ospita i giochi olimpici e la prima in assoluto nel caso dei giochi invernali. 92 i paesi in tutto che partecipano per un totale di 2.925 atleti. 

La nostra guida ai Giochi

L'esibizione di arti marziali da parte degli atleti nordcoreani alla cerimonia di apertura per i Giochi Invernali del 2018 è stata accolta da un rigoroso silenzio allo Stadio Olimpico di Pyeongchang. Gli unici rumori di sostegno provenivano dalle cheerleaders nordcoreane presenti sugli stand, vestite di bianco e rosso sedute in fila ordinate, sventolanti le bandiere della Corea unita.

Sfoglia la gallery (clicca qui per vederla in alta definizione sul nostro account Flickr)

La dimostrazione della tradizionale arte marziale di taekwon do è stata accompagnata da una versione pop di una canzone popolare tradizionale nordcoreana. I padroni di casa hanno eseguito una coreografia di routine veloce e ritmata alla musica, deliziando la folla mentre gli atleti fracassavano tavole di legno a tempo per la musica.

Ma quando è stata la volta degli atleti nordcoreani, tutto si è fatto più austero. Tavolette di legno e blocchi di cemento fatti a pezzi, ma anche suoni e grida gutturali nel silenzio della folla. 

REUTERS/Kim Kyung-Hoon

Corea del Sud e Corea del Nord si presentano unite, con squadre miste e sotto la medesima bandiera. Kim si fa rappresentare dalla sorella minore, Kim Yo-jong, trent'anni, direttrice del Dipartimento Propaganda e Agitazione, unico membro femminile del Politburo. La Corea del Nord partecipa alle Olimpiadi invernali di Pyeongchang con una delegazione di circa 500 persone, tra atleti, funzionari, gruppi artistici e cheerleader. 

REUTERS/Pawel Kopczynski

Il vice presidente Usa Mike Pence ha "brevemente incrociato" il capo della delegazione nordcoreana Kim Yong-nam nel gala ospitato dal presidente del Sud Moon Jae-in prima della cerimonia d'apertura delle Olimpiadi di PyeongChang. I due, nel resoconto della Yonhap, hanno tentato all'apparenza di evitare il faccia a faccia. Pence, che ha lasciato la sala dopo cinque minuti, avrebbe dovuto sedersi a capotavola con Moon e lo stesso Kim: la mossa rifletterebbe la diffidenza Usa verso il riavvicinamento tra le due Coree.

REUTERS/Jorge Silva

A seguire lo spettacolo di apertura in tribuna la sorella del leader nordcoreano Kim Yo-jong che all'ingresso della delegazione mista ha stretto per la seconda volta la mano al presidente sudcoreano Moon-Jae in.

Vedi l'originale