Bruxelles soddisfatta dell'accordo di Grande Coalizione in Germania

Dopo l'euforia per la vittoria di Macron, le istituzioni dell'Ue si erano inquietate della situazione in Germania. L'accordo fra Cdu, Csu e Spd lancia un messaggio di stabilità a livello europeo.

È un Donald Tusk soddisfatto e sorridente, quello che è stato accolto a Berlino da Angela Merkel a poche ore dall'accordo sulla Grande Coalizione. Bruxelles ha accolto con sollievo la notizia, lo stesso presidente del Consiglio europeo in un tweet ha auspicato che sia ora tempo di una "Grande Coalizione pan-europea".

Le istituzioni europee, dopo l'euforia per l'elezione di Macron in Francia, si erano inquietate della situazione politica in Germania. Ma ora, con quest'intesa, spiega Mario Telò dell'Istituto di studi europei della Libera università di Bruxelles, "Il grande messaggio è un messaggio di stabilità. Nel centro dell'Europa nei prossimi quattro anni avremo una stabilità garantita dai due governi, francese e tedesco, una stabilità - direi - centripeta, nel senso che nei due casi si rafforza il centro, si rafforza una politica di competitività e di coesione sociale, e si rilancia l'Europa".

Senza contare che nel nuovo contratto di coalizione la Germania apre alla possibilità di rafforzare finanziariamente l'Unione europea.

"C'è un aspetto del nuovo governo tedesco che è considerato quasi storico - conclude il nostro corrispondente da Bruxelles Stefan Grobe -, ed è il passaggio del ministero delle finanze dai cristiano democratici ai social democratici. L'idea è che vedremo meno austerità, ma una maggiore apertura agli investimenti pubblici - a livello sia tedesco sia europeo".

Vedi l'originale