Il possibile disgelo tra le due Coree parte dai Giochi invernali

Le due Coree per la prima volta insieme ai Giochi olimpici sotto un'unica bandiera. Per ora è solo un ipotesi ma potrebbe presto diventare realtà dopo che Pyongyang, questo mercoledì, ha riattivato la linea telefonica diretta con la Corea del Sud.

Un gesto distensivo che arriva 24 ore dopo la proposta di Seul di organizzare colloqui di alto livello tra i due paesi in risposta all'apertura di Kim Jong-Un, che nel discorso di Capodanno aveva chiesto di far ripartire il dialogo ed ipotizzato l'invio di una delegazione nordcoreana ai prossimi Giochi invernali.

In un messaggio ufficiale il capo del Comitato nordcoreano per la Riunificazione pacifica della Corea (CRPC) ha affermato che Kim Jong-Un ha apprezzato il sostegno di Seul alla sua proposta di pace. La Corea del Sud dal canto suo si è detta pronta ad accogliere gli atleti nordcoreani ai prossimi Giochi invernali, in programma dal 9 a 25 febbraio a Pyeongchang.

"Siamo pronti a dargli il benvenuto" ha affermato il presidente del comitato organizzatore Hee-Beom Lee, che in precedenza aveva ipotizzato anche l'iscrizione di un'unica squadra, con atleti di entrambi le nazioni, nel pattinaggio e nell'hockey su ghiaccio. Le due Coree hanno partecipato come una sola nazione a vari eventi sportivi internazionali, soprattutto nel tennis da tavolo e nel calcio, ma mai ad un Olimpiade. Nel 2000 le delegazioni dei due paesi hanno sfilato sotto una sola bandiera durante la cerimonia di apertura dei Giochi di Atene ma poi hanno partecipato alle gare separatamente.

Vedi l'originale