Profughi: per Amnesty un "fallimento" il programma Ue

This Tuesday, 26 September, 160,000 refugees arriving in Greece and Italy should have benefited from the relocation program approved in 2015 by Member States. After the deadline, only 28,242 asylum seekers were transferred, 18% of the people agreed.

The figures show the failure of the EU’s only binding commitment to take on the reception of the thousands of people who arrived every day in Europe during the so-called refugee crisis of 2015.

Amnesty International welcomes very much the idea of relocation as an example of solidarity but they say it has been a very serious failure in terms of implementation. They pointed out a lack of political will.

https://www.amnesty.org/en/latest/news/2017/09/eu-countries-have-fulfilled-less-than-a-third-of-their-asylum-relocation-promises/

Only Malta, whose share was 137 people, has kept its word. Finland has stayed close, with 92% of people relocated. At the end of the line are the States that showed their clear rejection of the refugees, mainly Eastern countries such as Poland and Hungary.

Among the reasons for the failure, AI and other ONGs mention: lack of coercive measures against non-compliant States, limitation of the program to refugees of specific nationalities, lack of coordination between actors involved in the process and the agreement between the EU and Turkey.

Tomorrow the European Commission will presents new proposals on this issue.

E oggi è l’ultimo giorno del controverso programma di ricollocazione per i richiedenti asilo.

Dopo due anni, gli Stati membri dell’Unione eruopea non hanno mantenuto la promessa di distribuire centosessanta mila rifugiati dalla Grecia e dall’Italia in tutta Europa.

Il quattro settembre meno di ventotto mila rifugiati erano stati ricollocati mentre alcuni Stati membri come l’Ungheria e la Polonia si sono rifiutati di accogliere anche una sola persona.

00.00 archive pictures of asylum seekers in Greece

Un fallimento. È così che Amnesty International definisce il programma di ricollocazione europeo di richiedenti asilo, la cui implementazione è terminata questo martedì ventisei settembre. Dei centosessanta mila profughi da ridistribuire

00.16 intro for Amnesty international

dalla Grecia e dall’Italia in tutta Europa, solo ventotto mila hanno trovato un paese ospitante. Per l’oennegi è mancata la volontà politica:

00.24 SOUNDBITE Iverna McGowan, Director of the Amnesty International European Institutions Office:

“Quando la volontà c‘è il modo si trova: quando le banche hanno fallito sono stati trovati milioni di euro; per altre crisi umanitarie, anche in altri paesi, le risorse si trovano. Qui si tratta chiaramente di volontà politica nel non aiutare persone in disperato bisogno”.

00.40 graphic showing percentage of refugees received by each country on the basis of committed beaches

Malta è l’unico paese che abbia rispettato le sue quote, seguito da Finlandia e Irlanda. In coda alla classifica, Repubblica Ceca, Polonia e Ungheria. Budapest, oltre a

00.50 EU Court 6 of september

essersi rifiutata di ospitare anche un solo profugo come Varsavia, ha fatto ricorso, con la Slovacchia, alla Corte di giustizia europea contro il programma di ricollocamento. Ricorso respinto il sei settembre. Fra le ragioni

01.03 archive pictures of Hungarian border

alla base del fallimento del programma votato dagli Stati membri nel duemilaquindici, Amnesty e altre organizzazioni individuano la mancanza di misure coercitive, la mancanza di coordinamento e l’accordo siglato con la Turchia.

01.18 end
Vedi l'originale