Francia: i "ribelli" di Macron in piazza contro Macron

Melenchon alla Francia: “Questo è solo l’inizio”

“No al colpo di stato sociale”: al motto coniato dal leader Jean-Luc Melenchon, la sua France-Insoumise, quella che si definisce indomita e che non vuole piegarsi, è scesa nelle vie di Parigi contro la riforma del lavoro targata Macron. 30.000 secondo la polizia, cinque volte tanti secondo gli organizzatori, a cui Melenchon ha promesso che questo è solo l’inizio.

“Vedrete che questa manifestazione metterà in moto un processo – ha detto -. Alimenterà la voglia di battersi, di mobilitarsi. Credo poi che sia una marcia della dignità. Chi è in piazza oggi è chi è stato insultato dal Presidente Macron: quelli che ha chiamato fannulloni, nevrotici… Ecco la nostra risposta”.

Manifestation des Insoumis à Paris : “Il faut voir quelle est notre capacité à rassembler” https://t.co/XklF5QeSdv— franceinfo (@franceinfo) 23 settembre 2017

“Questa manifestazione era una prova generale – dicono gli organizzatori -. Un test per misurare la nostra capacità a unirci e a mobilitare

Replica per le rime a Macron: “Se la democrazia non è la piazza, è però la piazza che ha fatto cadere i re

E sempre a Macron, che alle mobilitazioni organizzate contro la sua riforma ha risposto dicendo che “la democrazia non è la piazza”, Melenchon ha replicato al termine della manifestazione, ricordando dal palco che è però sempre stata la piazza a far cadere i re.

Mélenchon réplique à Macron: “C’est la rue qui a abattu les rois, les nazis, le plan Juppé et le CPE...” https://t.co/QHFTfj3UXD pic.twitter.com/8ELjaaNKWD— franceinfo (@franceinfo) 23 settembre 2017

La replica di Jean-Luc Melenchon in un video twittato dal network FranceInfo
Vedi l'originale