Attentato a Londra: arrestato un secondo sospettato

Sono due gli arrestati per l’attentato compiuto a Londra venerdì e rivendicato dal sedicente stato islamico. Un ventunenne è stato fermato ad Hounslow, a ovest della capitale britannica, all’indomani dell’arresto di un diciottenne e della perquisizione di un’abitazione a Sunbury che apparterrebbe a una coppia di benefattori, ricompensati dalla regina Elisabetta per il loro impegno nell’accoglienza di centinaia di bambini fra i quali alcuni rifugiati.

Il diciottenne è stato fermato nella zona del porto di Dover dove partono i traghetti per la Francia. “Un arresto molto importante” aveva commentato la polizia.

L’attentato compiuto con una bomba artigianale alla stazione di Parsons Green, quartiere agiato a sud-ovest di Londra, ha ferito non gravemente una trentina di persone. Mantenuto il livello massimo di allerta terrorismo, quello “critico”, mentre i militari vengono dispiegati nei siti strategici e la presenza della polizia viene rafforzata nei luoghi pubblici.

Domenica Londra ha espresso la volontà di siglare con l’Unione Europea un nuovo trattato sulla sicurezza che permetta di continuare la cooperazione nella lotta al terrorismo anche dopo la Brexit.
Vedi l'originale