Londra blindata cerca i colpevoli, evacuato un intero isolato

Il livello d’allerta terroristismo al massimo, quinto livello su 5, un arresto, perquisizioni e evacuazioni.

A Londra dopo l’attacco con 30 feriti per l’esplosione di un ordigno rudimentale su un vagone della metropolitana in corsa verso la fermata di Parsons green, la tensione è palpabile.

Nel pomeriggio un intero isolato di Sunbury, 20 chilometri a sud-est di Londra, viene evacuato; i residenti restano fuori casa per ore, su ordine della polizia.

Mentre qui un’abitazione viene passata al setaccio, il diciottenne arrestato a Dover all’alba di sabato viene portato in un commissariato di Londra. Gli inquirenti hanno definito significativa, la sua cattura, nell’ambito delle indagini sull’attacco in metro, ma l’identità del colpevole non è ancora pubblica: “È presto, ha detto la ministra degli interni – per dire se il sospetto fosse noto alla polizia oppure no”.

Intanto il sindaco di Londra avverte i suoi concittadini che importanti operazioni di polizia andranno avanti per tutto il weekend. D’altronde il comitato di sicurezza Cobra ha lasciato al massimo il livello d’ allerta nazionale. Le fermate della metro sono sorvegliate a vista da agenti armati, idem le principali stazioni del Regno Unito.

Nell’operazione è coinvolto anche l’esercito. La polizia ha chiesto a tutti di essere vigili perché un altro attacco è considerato probabile. Unica consolazione è che le trenta persone rimaste ferite nell’esplosione di venerdì mattina in metro, per lo più lievi ustionati, siano state tutte dimesse tranne tre, comunque non gravi.

Detectives investigating the terrorist attack at Parsons Green have made an arrest https://t.co/dr2s5fajVv pic.twitter.com/eowH6zaX79— Metropolitan Police (@metpoliceuk) 16 settembre 2017
Vedi l'originale