Siria: posticipato lo scambio tra combattenti siriani e Hezbollah

È stato rinviato di almeno 24 ore e dovrebbe avvenire soltanto questo martedì lo scambio organizzato tra Hezbollah e i militanti dell’opposizione siriana per far rientrare in Siria 9.000 combattenti siriani e le loro famiglie.

I mezzi necessari ad effettuare lo scambio vengono radunati nel governatorato della Beqa’, al confine tra i due Paesi, nei pressi di Arsal.

Sulla base degli accordi i ribelli dovranno tornare nelle aree controllate dal fronte al-Nusra che, in cambio, libererà 8 combattenti di Hezbollah.

Questa domenica intanto le parti avevano proceduto con una prima fase dell’intesa, con l’invio incrociato delle salme delle vittime dei combattimenti. I militanti libanesi di Hezbollah hanno avuto un ruolo cruciale nei 6 anni del conflitto nel contrastare le forze ribelli dando appoggio al regime di Bashar Al-Assad.
Vedi l'originale