Le shebeke, mosaici di vetro realizzati senza colla né chiodi

In quest’episodio di Postcards in Azerbaigian andiamo a scoprire le vetrate colorate, o “shebeke”, del palazzo dei Khan a Sheki. Un’arte le cui origini risalgono al diciottesimo secolo.

#Learning More than 14000 pieces in #shebeke windows XVIII century #Azerbaijan #sheki #education euronews #sharingknowledge #art #postcatds pic.twitter.com/XMvb5dGFgH

— Aurora Velez (goizlyon) 27 de junio de 2017

Azerbaigian: le cifre

Paesi confinanti: Iran, Armenia, Georgia e Russia

Superficie totale: 86.600 chilometri quadrati

Lingua principale: azero; seconda lingua parlata: russo

Popolazione: 9,6 milioni

Capitale: Baku

Aspettativa di vita: 68 anni per gli uomini, 74 per le donne (fonte: Onu)

Principali prodotti esportati: petrolio e prodotti petroliferi (fonti: Onu e Banca mondiale)

Si tratta di mosaici di vetro, inseriti in bacchette di legno, che possono essere di quercia o di noce.

In alcune di queste finestre, o shebeke, ci sono più di 14 mila pezzi, montati assieme senza colla né chiodi. Tutto un lavoro di intarsio e di pazienza.

TazanaAbdullayeva #XanSarayi director about what she prefers in this #XVIII #palace. #shebeke #windows euronews pic.twitter.com/MzdkS5D1YK— Aurora Velez (@goizlyon) 30 de junio de 2017

In passato i mercanti azeri, per poter fabbricare queste vetrate, barattavano spezie e seta in cambio di vetro di Murano.

Tofig Rasulov, maestro shebeke, spiega: “Ci vogliono sei mesi per montare un metro quadro. Un errore di meno di un millimetro fa crollare tutto. Per restaurare il palazzo dei Khan si sono usate delle pinzette, e ci sono voluti due anni”

#Azerbaijan #sheki #shebeke #art pic.twitter.com/PI3DBwZyeI— Aida Ibrahimova (@aida12811600) 28 de marzo de 2017

Le shebeke sono come la luce: apparentemente fragili, ma in realtà robuste e affidabili, giorno dopo giorno.
Vedi l'originale