Siria, tiene la tregua. E a Ginevra si riprenderà a negoziare

Ha sostanzialmente tenuto, nel primo giorno, il cessate il fuoco parziale in Siria.

Fonti vicine alle ong confermano che non si combatte più nelle province di Quneitra, Daraa e Sweida.

L’accordo è stata raggiunto dopo negoziati tra inviati statunitensi e russi in Giordania, durante i quali anche Israele è stato consultato.

La tregua non basta però ai ribelli.

“Non ci interessa una soluzione parziale. Vogliamo una soluzione globale per le nostre famiglie e per i profughi costretti a partire e le cui case sono state distrutte”, dice un colonnello delle forze ribelli.

Dell’intesa ne hanno parlato ad Amburgo, a margine del G20, Trump e Putin.

“Abbiamo negoziato un cessate il fuoco che salverà molte vite”, ha scritto il presidente Usa su Twitter.

Obiettivo tattico legato all’intesa è quello di fermare anche l’avanzata degli Hezbollah libanesi e dei Pasdaran iraniani verso il confine israelo-giordano.

Infine, la settimana si apre con il tentativo di riprendere i negoziati tra le delegazioni siriane di nuovo pronte a Ginevra a cercare una soluzione politica al conflitto.
Vedi l'originale