Brasile: 12 anni per corruzione all' ex ministro Palocci

Cade sotto i colpi di un nuovo affondo dei magistrati brasiliani, l’ex ministro delle finanze Antonio Palocci, condannato a 12 anni 2 mesi e 90 giorni di carcere per corruzione e riciclaggio di denaro. E’ lui la nuova vittima eccellente della Mani pulite brasiliana, la piu grande inchiesta giudiziaria anti corruzione che la storia del Brasile ricordi e che da mesi ormai fa tremare l’intera classe politica brasiliana.

Palocci, 56 anni, ex ministro con i governi Lula e Rousseff, era stato arrestato lo scorso settembre con l’accusa di essere il collettore delle tangenti che la holding Odebrecht e il colosso pubblico Petrobras pagavano alla politica.

Palocci si è dichiarato disponibile a collaborare coi magistrati per ottenere uno sconto di pena. L’ex ministro potrebbe offrire dettagli importanti sul sistema di tangenti nel quale sono coinvolti politici di tutti i partiti brasiliani, informazioni che potrebbero ostacolare l’ex presidente Lula nella sua nuova corsa alla presidenza nel 2018.
Vedi l'originale