Iran, il presidente Rouhani: "Senza l'Iran nessuna stabilità in Medio Oriente. Continueremo ad aiutare il popolo iracheno e quello siriano".

“Senza l’aiuto dell’Iran nessuna stabilità è possibile per il Medio Oriente”.

Il presidente iraniano Hassan Rouhani, rieletto venerdi per il secondo mandato con il 57% dei voti, ha risposto senza mezzi termini al presidente americano Donald Trump che ha accusato la Repubblica Islamica di fornire appoggio al terrorismo internazionale e al presidente Assad in Siria.

“La nazione iraniana, con i suoi rappresentanti diplomatici e militari – ha dichiarato Rouhani durante una conferenza stampa a Teheran – ha aiutato due grandi popoli, quello iracheno e quello siriano. Noi continueremo a farlo”.

Forte del voto di oltre 23 milioni di iraniani, Rouhani ha promesso di continuare sulla strada del dialogo internazionale e ha bollato come uno “show” l’incontro di domenica tra gli Stati Uniti e l’Arabia Saudita che ha rinforzato i legami anche commerciali tra i due Paesi. Durante l’incontro, infatti, è stato firmato un importante accordo commerciale e militare che prevede la vendita di armi da Washington a Riad per un valore di 110 milioni di euro. In cambio il fondo sovrano dell’Arabia Saudita si impegna a investire circa 20 miliardi di dollari in infrastrutture di vario tipo da realizzarsi soprattutto negli Stati Uniti.

Da Teheran la risposta è stata immediata e priva di sfumature. Il portavoce del Ministro degli Esteri iraniano ha chiesto agli Stati Uniti di “smettere di fornire armi ai principali sponsor del terrorismo”, cioè proprio l’Arabia Saudita (ndr).
Vedi l'originale