Borse euforiche per Macron, balzo Euro toglie pressione alla Bce sul Qe

L’affermazione di Emmanuel Macron in Francia rassicura i mercati. Maglia rosa a Milano sui massimi da gennaio 2016 grazie ai bancari, seguita da Parigi che segna un +4.14%.

L’euro tocca i massimi negli ultimi 5 mesi perché, secondo gli analisti, il voto francese segnala che l’onda del nazionalismo ha probabilmente toccato il suo massimo con l’elezione di Trump negli Stati Uniti.

Il rialzo attenua le pressioni a carico della Bce sul programma di stimoli all’economia, ma bisogna attendere il ballottaggio.

“I mercati hanno dimostrato di non essere propriamente un baluardo di saggezza quando si tratta di prevedere gli sviluppi futuri, come abbiamo visto con Trump e con la Brexit – Oliver Roth, analista della Oddo Seydler Bank – E così esorto alla cautela, perché il liberale Macron, il candidato della continuità, non ha ancora conquistato la presidenza”.

Fanno festa su tutti i listini i titoli delle banche, che più di tutti beneficiano di una stabilità politica a livello europeo: la migliore in Europa è Unicredit, seguita da Credit Agricole.

In rally i Btp: l’esito del voto francese ha annullato l’impatto del downgrade di Fitch, con lo spread in picchiata a 184 punti.
Vedi l'originale