Svezia, la polizia conferma: "L'uomo arrestato è il presunto attentatore"

L’uomo arrestato ieri a Stoccolma in relazione all’attentato compiuto nel centro della città, sarebbe stato alla guida del camion che si è diretto sui passanti uccidendo quattro persone.

E’ quanto ritiene la polizia svedese, che non ha finora confermato nè un secondo arresto di cui parlano i media locali, né l’indiscrezione diffusa dalla tv nazionale secondo la quale nel camion sarebbe stato trovato dell’esplosivo.

Le indagini sull’attentato sono in pieno svolgimento, e un portavoce delle autorità invita la cittadinanza a non rendersi nei quartieri centrali della capitale. “E’ ancora la scena del crimine, e abbiamo ancora una enorme quantità di cose da fare lì”.

Continua intanto l’esame dei testimoni di quanto accaduto, con l’obiettivo di ricostruire i fatti. Il camion, che ha causato un incendio schiantandosi contro una vetrina, era stato rubato a una ditta di distribuzione di bevande in mattinata, ma il furto non aveva fatto scattare alcuna allerta antiterrorismo.

E mentre si moltiplicano i messaggi di cordoglio per le vittime, anche i Paesi vicini hanno alzato il livello di allerta, dalla Finlandia alla Norvegia, fino alla Danimarca che ha istituito checkpoint lungo tutti i 16 chilometri del ponte che la

collega con la Svezia.
Vedi l'originale