Australia: la conta dei danni del ciclone Debbie

Inizia la conta dei danni in Australia dopo il passaggio del ciclone Debbie. L’uragano si è abbattuto sullo stato del Queensland lasciando 63mila persone senza elettricità, danneggiando case e piantagioni. Per liberare le strade è arrivato l’esercito. Ma il ripristino è difficile dato che ancora soffiano venti di tempesta tropicale.

“L’energia elettrica sarà un problema anche nei prossimi giorni, credo. Abbiamo in corso massicce operazioni di pulizia ma ci vorrà tempo”- dice un uomo.

I venti fino a 250 chilometri orari hanno abbattuto alberi e danneggiato tetti

“Il vento passava sotto la casa, e la scuoteva, si muoveva tutto. E poi il vento e la pioggia battente. È stata una esperienza forte, irreale” – racconta una donna.

Cyclon Debbie : Hamilton Island is being thrashed https://t.co/jO23oWzZr6 YouTube #CycloneDebbie #Debbie #queensland #Australia #hamilton

— Sabir Langardar (SabirAwesome) 28 marzo 2017

Gravemente colpite le località di Airlie Beach e Bowen, nel nord est dell’Australia e anche famose isole turistiche della barriera corallina più importante del mondo.

Nel Queensland sono stati riaperti gli aeroporti, ma sono ancora molti i voli cancellati.

Gli agricoltori hanno già fatto una stima dei danni, ammonterebbero a 765 milioni di dollari.
Vedi l'originale