Spagna: verso un disarmo totale dell'ETA

L’ETA ha l’intenzione di disarmarsi entro il prossimo 8 aprile, quasi cinque anni e mezzo dopo l’annuncio del cessate il fuoco definitivo. La notizia è apparsa sul quotidiano francese Le Monde, riportata da Txetx Etcheverry, militante basco ed ecologista francese. Il governo regionale basco ha confermato e ha chiesto aiuto a Madrid e a Parigi.

“Il governo basco ritiene credibile la possibilità di un disarmo finale a breve e secondo le proprie possibilità contribuisce a sostenere questo processo”, afferma Íñigo Urkullu, capo del governo basco.

🔴#DesarmeETA🔴

-Mi valoración 👉 https://t.co/NTLbw6HaFC

-VÍDEO 👇👇 pic.twitter.com/3P9ePFFgZ1— Iñigo Urkullu (@iurkullu) 17 mars 2017

“Stiamo parlando di un’organizzazione terroristica, vediamo cosa farà e agiremo di conseguenza”, dice Íñigo Méndez de Vigo, portavoce del governo spagnolo. “Ma, insisto, la posizione dell’esecutivo non si è mossa di un centimetro dal 2011, devono disarmarsi e dissolversi”.

Dopo oltre 40 anni di lotta e quasi 850 morti, il gruppo armato per l’indipendenza basca aveva annunciato il cessate il fuoco nell’ottobre del 2011. Ma rifiutava di disarmarsi esigendo come contropartita trattative sulla sorte di 350 membri detenuti in Spagna e in Francia. In quest’ultimo Paese si trova gran parte dell’arsenale dell’ETA.
Vedi l'originale