I capolavori di Vermeer in mostra al Louvre

È stata presentata come la più importante esposizione dei lavori di Johannes Vermeer. La mostra del Louvre si intitola ‘Vermeer e i maestri della pittura di genere’ e reinterpreta i lavori dell’artista inserendoli nel contesto storico. La mostra illustra cosa il maestro olandese prese e cosa rifiutò dai suoi contemporanei come Gerard Dou, Jan Steen o Pieter de Hooch, i cui lavori sono esposti accanto a quelli di Vermeer.

‘Vermeer e i mastri della pittura di genere’ presenta un terzo delle opere del Secolo d’Oro olandese ed è la più importante mostra dedicata a Vermeer in Europa in quasi due decadi.

Blaise Ducos, curatore della mostra, Louvre: “La pittura di genere è un filone particolare. Rappresenta attività quotidiane come ad esempio suonare, ma tutto è estremamente ricercato e teatrale, in un certo senso. Come mettere in scena una commedia, ma senza far ridere. Ci dice molto del raffinato gusto dell’epoca”.

Tra i dipinti c‘è il capolavoro la lattaia prestato dal Rijksmuseum di Amsterdam e la donna con bilancia che invece viene dalla National Gallery of Art di Washington.

Anche Vermeer, perla nella rosa dei pittori olandesi, prese spunto dai suoi contemporanei come ogni altro artista.

Blaise Ducos: “I suoi temi sono molto classici, scene di soggetti che fanno musica, merletto. Ma in realtà Vermeer poi trasmuta, traduce, mette su un piedistallo questi temi e ha una sua specifica psicologia. C‘è un mood, in Vermeer, che non si trova in altri dipinti”.

Il genio di Vermeer, che morì a soli 43 anni e produsse solo 36 dipinti, si vede nel suo modo di rimaneggiare temi e tecniche.

La mostra ‘Vermeer e i maestri della pittura di genere’ è al Louvre di Parigi dal 22 febbraio al 22 maggio; in autunno sarà alla National Gallery of Art di Washington.
Vedi l'originale