Libano: Hezbollah dopo gli attacchi conferma il sostegno a Damasco

È una giornata di lutto oggi in Libano, dopo l’attentato rivendicato dall’ Isil a Beirut. I due kamikaze che ieri si sono fatti esplodere a pochi minuti di distanza hanno seminato la morte in una roccaforte di Hezbollah, che malgrado l’attacco assicura il proprio sostegno al regime siriano.

Almeno 44 le vittime e oltre 240 feriti.

“Si tratta di gente senza coscienza – dice la parente di una vittima – Spero che soffrano peggio di noi. Spero che Dio li colpisca con un terremoto che faccia tremare l’America e l’Arabia Saudita”.

L’attacco, il più grave mai compiuto dall’Isil in Libano, viene considerato una nuova rappresaglia sunnita per il sostegno delle milizie sciite di Hezbollah a Bashr al Assad in Siria

“Quello che è successo conferma – sottolinea Hussein Al-Khalil, ufficiale di Hezbollah – che siamo sulla strada giusta. Questa battaglia contro il terrorismo continuerà. Non si tratta di un semplice contenzionso ma di una lunga guerra tra noi, l’intero popolo libanese e queste formazioni terroriste”.

Negli ultimi anni sono stati 9 gli attacchi contro le roccaforti Hezbollah nella regione. La maggior parte sono stati rivendicati da gruppi estremisti sunniti giustificandoli come “vendette” per l’invio di migliaia di guerriglieri sciiti in Siria.
Vedi l'originale