Un nuovo organo? lo stampo subito!

Stamperemo organi umani per i trapianti con una stampante 3d? E’ quanto sta tentando un gruppo di scienziati del South Carolina, insieme ai loro colleghi cinesi dell’università Zhejiang. Gli scienziati utilizzano i cosiddetti inchiostri biologici, cioè fatti di cellule umane. Questi inchiostri vengono poi dispensati dall’ugello di una stampante 3-D. La stampante sgocciola le cellule in modo preciso per costruire i tessuti dell’organo prescelto.

MICHAEL YOST, ricercatore:

“La nostra tecnologia si chiama bio-fabbricazione. La parola significa l’uso di tecniche ingegneristiche per la creazione di un nuovo tessuto e le sue componenti.”

Gli scienziati immettono l’inchiostro biologico tramite una siringa in una capsula di Petri dove possiamo osservare in rosso i campioni di tessuto ottenuti. La stampante usa raggi UV per sterilizzare le cellule. Gli scienziati ammettono che siamo ancora lontani dalla fabricazione di interi organi, ma dal 2003 ad oggi i progressi sono stati enormi e questa si chiama la bio-stampa.

MICHAEL YOST:

“La cosa esaltante che stiamo realizzando è la ‘bio stampa 3D’. Con la nostra stampante tridimensinale siamo riusciti a creare una nuova rete microvascolare e possiamo far crescere nuovi tessuti destinati ad organi come il pancreas, il fegato, i reni.”

Questa stampante po’ anche adoperare le cellule della persona a cui bisogna impiantare un nuovo organo, cosa che consentirebbe di sormontare tutti i problemi di rigetto che affliggono gli odierni trapiantati.
Vedi l'originale