Difesa europea in crisi. Gli aiuti militari all'Ucraina hanno svuotato gli arsenali UE

Access to the comments Commenti
Di Euronews
L'allarme dell'Alto rappresentante della politica estera UE: "Vuoti gli arsenali UE. Aumentare spese e investimenti per garantire la capacità di difesa critica"
L'allarme dell'Alto rappresentante della politica estera UE: "Vuoti gli arsenali UE. Aumentare spese e investimenti per garantire la capacità di difesa critica"   -   Diritti d'autore  AP Photo/Jean-Francois Badias

Le scorte militari dell'Unione prosciugate dagli aiuti all'Ucraina

Le capacità di difesa europee messe in crisi dagli aiuti forniti all'Ucraina. I miliardi in armi inviati a Kiev hanno prosciugato le scorte dell'Unione, che per compensare deve ora incrementare spese, acquisti congiunti e investimenti in tecnologie.

Allarme di Borrell: "Urgente recuperare, aumentando spese e investimenti"

Il capo della diplomazia europea Josepp Borrell mette in guardia e sprona i ventisette all'azione. "L'invasione dell'Ucraina è stata per tutti noi una doccia fredda, un campanello d'allarme - ha detto -. Ci ha aperto gli occhi sul fatto che le nostre scorte militari si sono rapidamente esaurite. E questo perché gli investimenti non sono stati all'altezza. Mi rendo conto che l'opinione pubblica preferisca il burro ai cannoni, ma il dato di fatto è che ora dobbiamo recuperare tempo e terreno perduto, perché per anni non abbiamo investito abbastanza". 

Gli aiuti all'Ucraina hanno messo in crisi le capacità di difesa europee. Urgente recuperare aumentando investimenti e spese congiunte
Josepp Borrell
Alto rappresentante politica estera UE

Una parziale inversione di tendenza si è registrata a partire dall'annessione russa della Crimea del 2014, con le spese militari dei paesi UE che sono tornate a crescere. Incrementi tuttavia insufficienti per garantire le "capacità di difesa critiche", di cui parla Borrell. Cruciale, nella strategia di Bruxelles, anche guadagnare in merito una crescente indipendenza dal supporto della NATO.

L'UE a sostegno della difesa Ucraina: un pacchetto da 2,5 miliardi di euro

Con un nuovo pacchetto da 500 milioni adottato a luglio, il Consiglio Europeo ha portato a 2,5 miliardi di euro il complesso degli aiuti accordati all'Ucraina nel quadro del Fondo Europeo per la pace. Quattro le tranche di sostegni che erano state in precedenza approvate: la prima pochi giorni appena dopo l'invasione russa, il 28 febbraio, e poi ancora a marzo, aprile e maggio. 

Spese militari in Europa: Grecia più generosa, Islanda fanalino di coda

Nel 2020, in base a dati di Eurostat, le spese per la difesa del complesso dei paesi UE ammontavano all'1,3% del PIL europeo. Livelli nel complesso stabili nel periodo 2013-2020, ma in diminuzione in rapporto al PIL rispetto al 1995. Le****proporzioni più elevate si sono registrate in Grecia, Lettonia, Estonia e Romania, tutte attestate fra il 2,6% e il 2,4%, mentre le più basse in Austria (0,6%) Malta (0,5%), in Irlanda (0,2%)e Islanda (0,1%).