Russia, la storia di Pavel Kanygin, giornalista russo scappato all'estero

Access to the comments Commenti
Di Debora Gandini
Pavel Kanygin, giornalista russo scappato all'estero
Pavel Kanygin, giornalista russo scappato all'estero   -   Diritti d'autore  screenshot video

Una paura che diventa una minaccia. Ora anche i giornalisti russi che lavorano all'estero temono ritorsioni. Una possibile realtà dopo l’entrata in vigore in Russia, delle nuove leggi restrittive, licenziate dalla Duma, contro la propaganda LGBT e sui cosiddetti 'agenti stranieri', misure che inaspriscono la censura militare.

Tra i giornalisti che hanno lasciato la Russia c’è anche Pavel Kanygin fuggito da Mosca nei Paesi Bassi. Dall'inizio della guerra in Ucraina, è stato quasi impossibile per lui e per i suoi colleghi, lavorare in modo indipendente da Mosca. Il giornale per cui scriveva, Novaya Gazeta, ha dovuto chiudere.

“Il cambiamento principale è che le autorità russe possono davvero etichettare chiunque come agente straniero. Secondo questa legge, se sei in contatto con qualcuno, quella persona potrebbe essere stata influenzata da un paese straniero. Fanno di tutto per isolare chi è partito da chi è rimasto" , racconta Kanygin.

Molti reporter, che vivono e lavorano all’estero, sono convinti che fare informazione per loro sarà ancora più difficile. "Se dovessimo interrompere il nostro lavoro adesso non faremo altro che deludere i nostri lettori e chi ci segue dalla Russia”, prosegue Kanygin.

Il bavaglio di Putin

La macchina della propaganda e della repressione prosegue. La scorsa primavera per stringere la morsa ancora di più sui giornalisti, il presidente Vladimir Putin aveva voluto una legge che modificava il Codice penale per contenere la diffusione di 'fake news' sulle operazioni dell'esercito in Ucraina.

Per sfuggire al controllo del governo russo, che dopo l'invasione dell'Ucraina si è fatto ancora più duro, molti media indipendenti hanno scelto di rifugiarsi in Lettonia. Ad esempio, per poter esercitare il proprio diritto-dovere di informare senza censura, la redazione di Novaya Gazeta Europe si è trasferita armi e bagagli nella capitale Riga.

Il caporedattore Kirill Martynov spiega: "Non si può esercitare il giornalismo in un contesto in cui il governo dice di far finta che non ci sia una guerra. L'informazione giornalistica nel paese esiste nella misura in cui organi di informazione indipendenti, lavorando dall'estero, possono contare sulla collaborazione di reporter ombra, gente che lavora in condizioni molto rischiose".

Secondo una stima da febbraio si sono trasferiti in Lettonia circa 300 giornalisti dell'opposizione russa. Nel paese in cui i russi sono il 30% della popolazione, sono stati oscurati i canali televisivi che abbiano ancora la loro sede in Russia.