Riunione OSCE in Polonia, Kiev: "Fuori la Russia"

Access to the comments Commenti
Di Euronews  Agenzie:  AP
I ministri degli Esteri ucraino e polacco, Dmytro Kuleba e Zbigniew Rau
I ministri degli Esteri ucraino e polacco, Dmytro Kuleba e Zbigniew Rau   -   Diritti d'autore  Michal Dyjuk/Copyright 2022 The AP. All rights reserved

L'invasione russa dell'Ucraina sta monopolizzando tutti i dibattiti al vertice dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, iniziato giovedì nella città polacca di Lodz. Il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, chiede di cacciare la Russia dall'organizzazione, che a causa del suo potere di veto sta bloccando tutto ciò che riguarda la guerra.

"Coloro che hanno aggredito, commesso crimini di guerra contro l'umanità e genocidio devono essere ritenuti responsabili, assolutamente", spiega Andrzej Duda, presidente polacco. "Solo così possiamo riportare la pace in Europa e prevenire altri atti di aggressione in futuro".

Mosca, come prevedibile, non è d'accordo. Secondo il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov, l'OSCE è nel mirino dei Paesi occidentali: "L'Occidente ha cercato per molti anni di realizzare la privatizzazione dell'OSCE, anzi è più corretto dire che stanno cercando di effettuare un sequestro dell'organizzazione, per soggiogare quest'ultima".

La riunione terminerà questo venerdì e, probabilmente, non servirà a sbloccare il bilancio 2023, bloccato dal veto russo. Oltre alle riunioni plenarie, si terranno tavole rotonde su temi come il traffico di esseri umani, il riscaldamento globale o la sicurezza nelle regioni montane.