This content is not available in your region

Terrorismo: arrestato foreign fighter accusato di torture

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Operazione Ps a Brescia. L'uomo è italiano di origini marocchine
Operazione Ps a Brescia. L'uomo è italiano di origini marocchine

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">ROMA</span>, 12 <span class="caps">NOV</span> – La Polizia di Brescia ha eseguito<br /> un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip di<br /> Brescia su richiesta della Procura, nei confronti di un 28enne<br /> foreign fighter italiano di origini marocchine, per “sequestro<br /> di persona e lesioni personali, aggravati dall’avere adoperato<br /> sevizie e agito con crudeltà nonché dalla finalità di terrorismo<br /> e dell’odio razziale”. Nel giugno del 2019 l’uomo, attualmente<br /> detenuto, era stato prelevato a Kobane (Siria), dove si trovava<br /> in stato di cattura da parte delle Unità di protezione popolare<br /> curde, da funzionari della Digos di Brescia e della Direzione<br /> Centrale della Polizia di Prevenzione, all’esito di una<br /> operazione condotta in stretto raccordo con Aise, Fbi e Autorità<br /> siriane e arrestato per partecipazione ad associazione con<br /> finalità di terrorismo, in quanto, dopo una radicale adesione<br /> ideologica alla Jihad islamica iniziata in Italia e completata<br /> in Germania, era partito per la Siria dove era divenuto un<br /> operativo del sedicente Stato Islamico. Nel luglio del 2020, il<br /> Tribunale di Brescia lo ha poi condannato a 4 anni di<br /> reclusione, sentenza poi confermata in Appello. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.