This content is not available in your region

Alessia Piperno,ieri pensavo trasferimento in altro carcere

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Trentenne ai genitori, non sapevo dove mi stessero portando
Trentenne ai genitori, non sapevo dove mi stessero portando

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">ROMA</span>, 11 <span class="caps">NOV</span> – “Il carcere di Evin era proprio<br /> brutto, così ieri ho pensato che mi stessero trasferendo in un<br /> altro carcere. Ma non sapevo proprio dove mi stessero portando”.<br /> Così Alessia Piperno ha raccontato ai genitori gli ultimi<br /> istanti di detenzione, confermando che fino all’ultimo non ha<br /> saputo che la stessero liberando. “Era quasi contenta – dice il<br /> papà Alberto all’<span class="caps">ANSA</span> – che la portassero in un’altra prigione”.<br /> La trentenne è rimasta a parlare con i familiari fino alle 3.30<br /> e al fratello David ha raccontato che nei 45 giorni in cella le<br /> compagne “cambiavano spesso. Ed era difficile comunicare con<br /> loro perché parlavano un’altra lingua”. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.