This content is not available in your region

Ucraina: corrente a intermittenza per le riparazioni, ma i russi sarebbero a corto d'armi...

Access to the comments Commenti
Di Sasha Vakulina
La mappa della guerra
La mappa della guerra   -   Diritti d'autore  euronews   -  

Mercoledì, il gestore della rete elettrica ucraina, Ukrenergo, ha affermato che le interruzioni di corrente programmate interesserebbero l'intero Paese. Questo martedì circa 4 milioni di persone erano senza elettricità.

Gli attacchi di missili e droni russi hanno preso di mira l'infrastruttura energetica dell'Ucraina nelle ultime settimane con l'avvicinarsi dell'inverno, quando le temperature medie in genere scendono al di sotto dello 0.

Mercoledì sono previste interruzioni di corrente in tutte le regioni dell'Ucraina, per stabilizzare la rete non per emergenza. Sono previste restrizioni nelle regioni di Chernihiv, Cherkasy, Zhytomyr, Sumy, Kharkiv, Poltava, Zaporizhzhia, Dnipropetrovsk, Kirovohrad e Kiev.

L'istituto di studi per la guerra ha riferito che le forze russe hanno esaurito il loro arsenale d'armi ad alta precisione e probabilmente lotteranno per mantenere il ritmo dell' attuale campagna contro le infrastrutture critiche ucraine.

La Russia sarebbe a corto d'armi

Il rappresentante della direzione principale dell'intelligence ucraina ha dichiarato all'Economist che le forze russe hanno utilizzato più dell'80% dei loro missili moderni e che hanno solo 120 missili Iskander rimasti.

L'ISW ha precedentemente valutato che le forze russe dipendono sempre più da armamenti di fabbricazione iraniana per supportare la loro campagna di attacco contro le infrastrutture critiche ucraine, campagna che ha lo scopo di usurare la volontà popolare ucraina probabilmente senza riuscirci. 

Il think tank dice, citando l'agenzia di stampa statale iraniana, che il segretario del Consiglio di sicurezza nazionale russo Nikolai Patrushev, è arrivato a Teheran l'8 novembre, probabilmente per discutere della potenziale vendita di missili balistici iraniani alla Russia.

Fonti ucraine hanno riferito il 7 novembre che funzionari e ingegneri ucraini potrebbero ripristinare gli alimentatori a livelli normali in poche settimane ma solo se il ritmo degli attacchi russi alle infrastrutture rallentasse drasticamente.