This content is not available in your region

Prete ucciso a Como: per imputato da ergastolo a 25 anni

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Decisione della Corte d'Appello Milano, 'attenuanti generiche'
Decisione della Corte d'Appello Milano, 'attenuanti generiche'

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">MILANO</span>, 09 <span class="caps">NOV</span> – Passa dall’ergastolo a 25 anni di<br /> reclusione la pena per Ridha Mahmoudi, il tunisino di 57 anni<br /> che la mattina del 15 settembre del 2020 ha aggredito e ucciso a<br /> coltellate don Roberto Malgesini, 50 anni, mentre in auto si<br /> apprestava a portare la prima colazione ai senzatetto di Como.<br /> Lo ha deciso oggi la Corte d’assise d’appello di Milano che ha<br /> riconosciuto per l’imputato le attenuanti generiche con<br /> equivalenza rispetto alle aggravanti che venivano contestate. Da<br /> qui l’abbassamento della pena. Mahmoudi era stato condannato all’ergastolo dalla Corte<br /> d’Assise di Como nell’ottobre dello scorso anno. In secondo<br /> grado i giudici (presidente della Corte Franca Anelli) avevano<br /> accolto nelle scorse udienze l’istanza della difesa, col legale<br /> Sonia Bova, di effettuare una perizia psichiatrica<br /> sull’imputato. Perizia che, ad ogni modo, ha stabilito la piena<br /> capacità di intendere e volere dell’uomo – accusato di omicidio<br /> volontario aggravato dalla premeditazione – al momento del<br /> fatto. Oggi è arrivata la sentenza di secondo grado che, con la<br /> concessione delle attenuanti escluse nel primo giudizio, ha<br /> portato la pena a 25 anni (motivazione del verdetto entro 30<br /> giorni). (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.