This content is not available in your region

Mobilità: a Bologna limite di 30 km/h in tutta la città

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Lepore, noi apripista, il governo lavori a una legge nazionale
Lepore, noi apripista, il governo lavori a una legge nazionale

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">BOLOGNA</span>, 02 <span class="caps">NOV</span> – Dal prossimo giugno, Bologna sarà<br /> Città 30. E’ infatti il primo capoluogo italiano che introduce<br /> il limite dei 30 Km/h sulla maggior parte delle sue strade,<br /> oltre quelle del centro storico. Soltanto alcune resteranno a<br /> scorrimento veloce, con limite dei 50 Km/h. Il provvedimento è stato approvato oggi con delibera dalla<br /> giunta comunale, dando così il via al percorso che condurrà a<br /> questo obiettivo e vedrà il coinvolgimento dei cittadini e delle<br /> categorie interessate per la definizione del progetto. In<br /> Europa, sono diverse le città che hanno già fatto questa scelta,<br /> come Parigi e Berlino; in Spagna è stata anche introdotta una<br /> legge nazionale per le città 30. “Vogliamo che Bologna sia apripista a livello nazionale sulla<br /> sicurezza stradale. Il nostro Paese merita, dopo la legge<br /> sull’omicidio stradale e quella sulla sicurezza dei bambini in<br /> auto, una legge sulle città 30 – sottolinea il sindaco Matteo<br /> Lepore – Spero che il governo guardi Bologna come esempio e<br /> inizi a discutere su questo”. Bologna città 30 è un progetto che può contare già su 14<br /> milioni di euro di investimenti che serviranno per la<br /> segnaletica stradale, il ridisegno delle strade con la<br /> diffusione di interventi fisici di moderazione del traffico e<br /> della velocità, maggiori controlli, installazione di un numero<br /> significativo di velox, messa in sicurezza stradale, campagne di<br /> comunicazione ed educazione. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.