This content is not available in your region

La mediazione di Putin per la pace nel Nagorno-Karabakh

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Colloqui a Sochi
Colloqui a Sochi   -   Diritti d'autore  Mikhail Klimentyev, Sputnik, Kremlin Pool Photo via AP   -  

Ai piedi del Causaso, nella città russa di Sochi, il presidente Vladimir Putin si scopre mediatore di pace e porta a casa il risultato: Armenia e Azerbaijan hanno deciso di astenersi dall’uso della forza o dalla minaccia del suo uso nel Karabakh.
È quanto si legge nella dichiarazione congiunta adottata al termine dell’incontro trilaterale con il primo ministro armeno Nikol Pashinyan e il presidente azero Ilham Aliyev.

I colloqui di Sochi

"Il trattato di pace non è ancora arrivato - ha però precisato Putin - ed è prematuro parlare qui dei suoi elementi fondamentali perché è ancora oggetto di compromessi, che dovrebbero essere raggiunti da entrambe le parti con la mediazione di altri Paesi, compresa la Russia, se entrambe le parti contraenti lo vogliono".

Il conflitto per il Nagorno-Karabakh

Le due repubbliche ex sovietiche avevano innescato, tra il 1992 e il 1994, un conflitto pluridecennale in Nagorno Karabakh, regione autonoma a maggioranza armena all'interno dei confini dell'Azerbaigian

Gli incontri di Sochi riguardano l'attuazione dell'accordo di pace di due anni fa, di cui la Russia è stata mediatrice.

Durante una guerra di sei settimane nel 2020, l'Azerbaigian ha rivendicato ampie zone del Nagorno-Karabakh che le forze armene detenevano da decenni.

Più di 6.700 persone sono morte nei combattimenti. Mosca ha dispiegato circa 2.000 truppe nella regione come forze di pace.

Gli equilibri

Il premier armeno Pashinyan chiede la libertà dei prigionieri di guerra e ha dichiarato lunedì che farà pressione affinché l'Azerbaigian ritiri le sue truppe dalla zona di pace russa nel Nagorno-Karabakh.

Le agenzie di stampa russe hanno riferito che è in discussione anche un'estensione del mandato russo di peacekeeping.

Putin ha poi dichiarato ai giornalisti che l'estensione della missione di pace russa dipenderà dalla risoluzione di altre questioni.

Una nuova serie di ostilità è scoppiata a settembre, quando più di 200 soldati sono stati uccisi da entrambe le parti. L'Armenia e l'Azerbaigian si sono accusate reciprocamente di aver scatenato i combattimenti.

La Russia è vicina all'Armenia dove, per un delicato gioco di equilibri, ha dislocato una base militare, ma Putin ha sviluppato legami forti anche con l'Azerbaigian.

Il presidente russo ha osservato giovedì scorso che il Cremlino aveva consigliato al governo di Pashinyan, prima delle ostilità del 2020, di accettare un compromesso in cui le forze armene avrebbero ceduto le terre azere, al di fuori del Nagorno-Karabakh, conquistate all'inizio degli anni Novanta.

Putin ha lamentato che "la leadership armena ha preso una strada diversa".

Durante i combattimenti del 2020, l'Azerbaigian ha rivendicato non solo questi territori, ma anche parti significative del Nagorno-Karabakh vero e proprio.