This content is not available in your region

Algeria: dighe e impianti di desalinizzazione per la gestione dell'acqua

Di Cyril Fourneris  & Euronews
Algeria: dighe e impianti di desalinizzazione per la gestione dell'acqua

La gestione dell'acqua è una sfida importante per l'Algeria: sia il bisogno di acqua potabile che la siccità stanno diventando sempre più pressanti.
Per far fronte a tutto questo, il Paese si affida ai suoi impianti di desalinizzazione e alle sue dighe.

Algeria, grandi dighe contro la ''sete''

Kef Eddir, nella regione di Tipaza, è una delle 81 grandi dighe dell'Algeria. Qui quattro nuovi sbarramenti arrivano a una capacità di stoccaggio di 9 miliardi di metri cubi.

Decine di altri progetti simili sono previsti nel Paese, che ha appena vissuto tre delle estati più secche della sua storia.

Euronews
Dighe e capacità in AlgeriaEuronews

Nadia Ouchar, che dirige l'Agenzia nazionale per le dighe, definisce le priorità: "Lo stoccaggio dell'acqua ci permetterà, ovviamente, di soddisfare innanzitutto le esigenze di approvvigionamento di acqua potabile della popolazione. Ma anche lo sviluppo dell'agricoltura, quindi la sicurezza alimentare. Inoltre, è previsto l'utilizzo dell'acqua per scopi industriali".

La diga di Kef Eddir ha un ruolo strategico: il suo scopo principale è quello di rifornire di acqua potabile tre wilaya (regioni), Tipaza e le vicine Ain Defla e Chlef. Di conseguenza, è in corso un ambizioso progetto di trasferimento dell'acqua per collegare questo bacino ai vari comuni.

L'interconnessione per un approvvigionamento idrico solidale

"L'interconnessione è importante per l'equilibrio regionale, per l'equità nella fornitura di acqua potabile alla popolazione e, naturalmente, per la solidarietà tra le diverse regioni" spiega Ouchar.

Una solidarietà che, un giorno, potrebbe permettere a questo invaso di rifornire l'area di Algeri, a circa 150 chilometri di distanza.

La prima fase dei lavori di approvvigionamento idrico consiste nella posa delle tubature, delle stazioni di pompaggio e dei serbatoi che si estendono per decine di chilometri verso il capoluogo della regione, Tipaza. 

Circa mezzo milione di persone dovrebbero beneficiare di questo progetto regionale, il cui cuore è rappresentato da questa torre vertiginosa e dal suo centro di controllo.

Dice Mjadi Bencherki, responsabile del progetto per l'Agenzia nazionale per le dighe: "La torre di captazione è alta 94 metri, circa l'altezza della diga. Gli stakeholder che l'hanno realizzata provengono da un piano di sviluppo nazionale. Sono molto orgoglioso di aver partecipato alla costruzione di questa diga".

Le riserve del Sahara

Nel sud del Paese, molto arido, non ci sono dighe. Ma il Sahara possiede alcune delle più grandi riserve sotterranee del mondo.

Gli abitanti di Tamanrasset, la grande città della regione dell'Hoggar, si affidano alle acque prelevate sotto la sabbia della vicina wilaya e completano qui un viaggio di 700 km attraverso il deserto.

Mohamed Belouafi, a capo del dipartimento delle risorse idriche di Tamanrasset, fotografa la rete che consente l'approvvigionamento idrico: "Tamanrasset è rifornita dalla città di In Salah attraverso l'utilizzo di 24 pozzi. Abbiamo sei stazioni di pompaggio che portano al serbatoio terminale dietro di me".

L'acqua viene poi trasportata in impianti di stoccaggio sparsi in questa città in rapida espansione: "Per il momento, la fornitura è destinata solo alla città principale della wilaya - dice Belouafi - Ma abbiamo in programma di rifornire altre città".

Gli impianti per trattare l'acqua di mare

Tornando alle popolose regioni costiere, per evitare la carenza d'acqua, la priorità è data agli impianti di desalinizzazione dell'acqua di mare.

Essi forniscono già il 17% del fabbisogno nazionale di acqua potabile, una cifra che dovrebbe raggiungere il 60% entro il 2030, grazie alle nuove stazioni. 

L'impianto di Bateau Cassé, costruito in soli 6 mesi nell'omonimo quartiere di Algeri, è stato messo in funzione a tempo di record nell'ambito di un piano di emergenza.

Euronews
Impianti di desalinizzazione in AlgeriaEuronews

"I lavori sono iniziati a ottobre (dello scorso anno) e abbiamo consegnato questo impianto che ha iniziato a produrre nel marzo del 2022, a piena capacità, 10.000 m3 al giorno - racconta Sami Ghezala, project manager della Compagnia energetica algerina (AEC) - Visto lo stress idrico, abbiamo dato il massimo per metterlo in funzione il prima possibile".

La stazione produce l'equivalente di 10 milioni di litri al giorno. Se consideriamo che un cittadino consuma 100 litri al giorno, può coprire il fabbisogno di 100.000 abitanti. 

L'acqua viene prelevata a un chilometro dalla costa. Viene poi sottoposta a diversi processi di depurazione, tra cui l'osmosi inversa, più efficiente dal punto di vista energetico, prima di essere mineralizzata. Questa tecnologia potrebbe essere impiegata lungo tutta la costa algerina.

Gli obiettivi sono elencati da Sofiane Zamiche, direttore dello sviluppo della Compagnia energetica algerina: "Con il lancio dell'ambizioso programma di Stato, che consiste nella costruzione di cinque nuovi impianti di desalinizzazione dell'acqua di mare, e del programma a medio termine, che sarà attuato entro la fine del 2030, possiamo dire che gli algerini non dipenderanno più dalle condizioni meteorologiche e dai tassi di riempimento delle dighe. In seguito, potremo indirizzare l'acqua delle dighe verso altri settori. Per razionalizzare questa preziosa risorsa, un'altra priorità è fare del nostro meglio per riciclarla".