This content is not available in your region

Inventa stupro in comunità, arrestata

Access to the comments Commenti
Di ANSA
La ragazza, che era in comunità, voleva accusare un educatore
La ragazza, che era in comunità, voleva accusare un educatore

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">MONZA</span>, 29 <span class="caps">OTT</span> – Stava pianificando la messinscena di<br /> aver subìto una violenza sessuale, accusando falsamente<br /> l’educatore della comunità dove era ospite, in provincia di<br /> Monza, con tanto di fabbricazione di false prove, ma é stata<br /> smascherata e arrestata. Responsabile é una 16enne che era<br /> finita in comunità per episodi di maltrattamenti, estorsione e<br /> rapina ai danni della madre e della sorella di nove anni. Con<br /> queste accuse era stata arrestata per decisione del Gip del<br /> Tribunale per i Minori di Milano. A quanto emerso dalle indagini dei carabinieri di Besana<br /> Brianza (Monza), dall’aprile 2021 allo scorso luglio, la ragazza<br /> aveva maltrattato la madre e la sorella di 9 anni, al solo scopo<br /> di ottenere denaro, distruggendo l’arredamento di casa quando<br /> non lo otteneva e minacciando tutte e due di ritorsioni.<br /> Arrivata in comunità, la 16enne ha iniziato a pianificare la<br /> simulazione della violenza sessuale, tanto da arrivare a<br /> chiedere a un’altra minore di reperirle il liquido seminale del<br /> proprio ragazzo. Scoperta, è stata portata nel carcere minorile<br /> di Pontremoli (Massa Carrara). (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.