Regno Unito, Rishi Sunak al lavoro per formare la squadra di governo

Access to the comments Commenti
Di euronews con agenzie
Rishi Sunak
Rishi Sunak   -   Diritti d'autore  Kirsty Wigglesworth/Copyright 2022 The AP. All rights reserved

Attesa per la nuova squadra di governo a Londra, dopo l'insediamento formale a Downing Street e il discorso programmatico senza sconti sulla portata della crisi attuale da parte del nuovo premier Tory, Rishi Sunak.

Le nomine più importanti sono attese nel pomeriggio o in serata; ma una prima casella si è già liberata: quella del ministro dell'Industria e della Attività produttive, da cui il titolare di queste settimane, Jacob Rees Mogg, ultra brexiteer e pretoriano di Boris Johnson prima, di Liz Truss poi, ha appena annunciato le dimissioni. 

Una conferma appariva d'altronde improbabile, viste le ripetute critiche da lui rivolte alla cauta linea di politica economica professata da Sunak.

Per il resto si attende comunque un mix di esponenti di tutte le correnti del Partito Conservatore in modo da cercare diricomporre un minino di unità interna, seppure non senza inevitabili esclusioni eccellenti. Come cancelliere dello Scacchiere, alla guida del Tesoro e delle Finanze che sotto il nuovo premier (ed ex cancelliere) torneranno in ogni caso sottoun più stretto controllo di number 10, le previsioni vanno verso una probabile conferma del moderato Jeremy Hunt: già al lavoro sulla finanziaria d'autunno che lunedì 31 dovrebbe provare a rassicurare i mercati su coperture, tagli alla spesa pubblica e "responsabilità fiscale". 

Mentre altre poltrone di spicco andranno suddivise fra brexiteer pragmatici come lo stesso Sunak(a iniziare dalla seconda candidata al dopo Truss, Penny Mordaunt); ex johnsoniani di ritorno come Dominic Raab (già vicepremier di BoJo); personalità super partes come il titolare attuale della Difesa, Ben Wallace; figure più centriste; e astri nascenti della nuova destra quali la ministra uscente del Commercio Estero, Kemi Badenoch, o lo stesso titolare in carica del Foreign Office, James Celeverly.