This content is not available in your region

Azerbaigian-Turchia sempre più amici: dall'altra parte, Armenia e Iran

Access to the comments Commenti
Di Cristiano Tassinari  & Euronews World - Agenzie internazionali
Erdoğan e Aliyev: sempre più amici. (20.10.2022)
Erdoğan e Aliyev: sempre più amici. (20.10.2022)   -   Diritti d'autore  European Broadcasting Union   -  

Sempre più stretti i rapporti tra il presidente azero Ilham Aliyev e il presidente turco Reçep Tayyip Erdoğan.

L'occasione per rafforzare i rapporti già solidi tra i due Paesi è stata l'inaugurazione del nuovo aeroporto a Zangilan, una città dell'Alto Karabakh che le truppe azere hanno riconquistato durante la guerra del settembre-novembre 2020.

Contributo turco fondamentale

L'assistenza militare della Turchia, in quel conflitto, è stata essenziale per "espellere" la comunità armena da diverse città azere, in cui avevano vissuto per secoli e goduto di un'indipendenza de facto dall'inizio degli anni '90.

Ma né il cessate il fuoco raggiunto nel novembre 2020, né il dispiegamento di truppe russe per il mantenimento della pace hanno posto fine alla tensione nel Nagorno Karabakh, dove - secondo l'Ong Human Rights Watch - le truppe azere hanno commesso, il mese scorso, crimini di guerra: in particolare, esecuzioni extragiudiziali di prigionieri armeni.

➡️ Sito ufficiale di Human Rights Watch

Turkish Presidency/Turkish Presidency
Incontro tra Erdoğan e Aliyev. (20.10.2022)Turkish Presidency/Turkish Presidency

L'Iran tiene d'occhio il confine

Non lontano, lungo il confine con l'Azerbaigian, l'esercito iraniano sta svolgendo esercitazioni militari.
L'Iran ha un confine di 44 chilometri con l'Armenia, Paese senza sbocco sul mare, e intende conservarlo, ma teme che l'Azerbaigian si impossessi di nuovi territori attraverso la guerra.
I motivi di tensione tra Teheran e Baku sono, del resto, anche altri.

➡️ Per saperne di più: Le tre cause delle tensioni tra Azerbaigian e Iran

I Pasdaran, i Guardiani della Rivoluzione, hanno costruito ponti sul fiume Aras, su cui transitano i carri armati.
La tensione resta alta.