This content is not available in your region

L'estate senza fine: con l'anticiclone africano, caldo fino a 30° su mezza Europa

Access to the comments Commenti
Di Euronews  Agenzie:  ANSA
18 ottobre 2022: bagnanti tornano in spiaggia nel sud della Francia
18 ottobre 2022: bagnanti tornano in spiaggia nel sud della Francia   -   Diritti d'autore  Bertrand Combaldieu/Copyright 2022 The AP. All rights reserved   -  

Sembra d'essere tornati a giugno: spiagge piene, relax,  mentre qualcuno azzarda pefino un bagno.

Siamo nel sud della Francia, ma questa parentesi d'estate riguarda letteralmente mezza Europa, dove nel corso della settimana le temperature arriveranno oltre i 30 gradi. 

Estate sarda

In Sardegna ad esempio non è ancora il momento di mettere via ombrelloni e lettini: sino a fine mese le temperature resteranno sopra la media stagionale arrivando in alcune aree fino a 30 gradi. 

Già oggi nel sud dell'Isola, nel Campidano è possibile registrare "temperature prossime a 27 e 28 gradi", fanno sapere dall'ufficio meteo dell'Aeronautica militare di Decimomannu. Poi ci sarà un ulteriore aumento dei valori, mentre il graduale calo si farà sentire dall'inizio della settimana prossima, ma con un nuovo innalzamento delle temperature atteso per l'ultimo fine settimana di ottobre

Scipione l'Africano

All'origine di questa ondata di calore che sta attraversando l'Europa occidentale fino al Regno Unito ci sarebbe lusso d'aria eccezionalmente calda proveniente dall'Africa nordoccidentale: i metereologi l'hanno ribattezzato "Scipione l'africano", ed è l'anticiclone che già nella prima parte di giugno aveva portato a temperature incredibilmente alte per la stagione.

I valori, nei prossimi giorni, arriveranno a 34°C. Vivremo una fase eccezionale di caldo senza precedenti: fino ad oggi il 2022 è l'anno più caldo dal 1800, si va verso il nuovo record da 222 anni.

Lorenzo Tedici, meteorologo del sito www.iLMeteo.it, conferma che nei prossimi giorni, e su gran parte del Paese anche nelle prossime settimane, le temperature resteranno anomale e tipiche di fine primavera o inizio estate: saranno elevate ovunque fino a domani, poi da venerdì caleranno al Nord per l'arrivo di qualche acquazzone, localmente intenso sulle Alpi. Sulla catena alpina vedremo qualche fiocco di neve oltre i 2500 metri. Sul resto dello Stivale bel tempo e caldo potrebbero persistere fino a novembre.

Il quadro di insieme meteorologico vede un 'Blocco ad omega' con l'anticiclone Scipione l'Africano bloccato da due cicloni: il primo sulle Azzorre ed il secondo sulla Turchia.

Nel dettaglio 

  •  Mercoledì 19. Al nord, locale nebbia al mattino sulle pianure, soleggiato altrove. Al centro: tutto sole. Al sud: sole e clima molto mite.
  •  Giovedì 20. Al nord: bel tempo salvo foschie dense e nebbie in pianura; peggiora in serata al Nord-Ovest. Al centro e al sud: soleggiato.
  • Venerdì 21. Al nord: piogge sparse a ovest, intense su Alpi e Prealpi. Al centro: bel tempo prevalente. Al sud: ampio soleggiamento.
  • Tendenza. Ancora Anticiclone Scipione l'Africano con Ottobrata Bis al Centro-Sud, instabile al Nord con qualche acquazzone, localmente anche tra Toscana e Marche.