This content is not available in your region

A Miradolo Christo, l'artista che ha impacchettato monumenti

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Al Castello 60 opere realizzate con la moglie Jeanne Claude
Al Castello 60 opere realizzate con la moglie Jeanne Claude

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">TORINO</span>, 14 <span class="caps">OTT</span> – A poco più di due anni dalla<br /> scomparsa di Christo Vladimirov Javacheff, il Castello di<br /> Miradolo dedica una mostra a Christo e Jeanne Claude, la coppia<br /> che ha impacchettato monumenti in tutto il mondo rivoluzionando<br /> il concetto di opera d’arte. Christo and Jeanne Claude Projects, al via domani fino al<br /> 16 aprile 2023, espone disegni, collages, fotografie e video<br /> delle loro opere più famose, insieme a opere di alcuni artisti<br /> del Nouveau Réalism – Klein, Spoerri, Rotella, Arman e Raysse – e della Land Art che hanno influenzato la loro produzione<br /> artistica e il loro pensiero. Curata da Francesco Poli, Paolo<br /> Repetto e Roberto Galimberti, con il coordinamento di Paola<br /> Eynard, la mostra, realizzata dalla Fondazione Cosso grazie alla<br /> collaborazione con la Christo and Jeanne-Claude Foundation,<br /> presenta sessanta opere con un’ampia sezione fotografica e<br /> proiezione dei video che documentano la realizzazione delle<br /> monumentali installazioni artistiche. Da 5.600 Cubicmeteres Package di Documenta IV a Kassel<br /> (1968), struttura gonfiabile in polietilene alta circa 85 metri,<br /> a The London Mastaba (2018), l’opera monumentale sul Serpentine<br /> Lake di Hyde Park formata da 7.506 barili dipinti ed impilati<br /> uno sull’altro a formare un tronco di piramide galleggiante. Da<br /> Valley Curtain (1972) il telo di 380 metri che ha colorato di<br /> arancione la vallata di Rifle in Colorado, a The Floating Piers<br /> (2016), la passerella di 3 chilometri che nel 2016 ha fatto<br /> camminare oltre un milione di persone sulle acque del lago<br /> d’Iseo. E poi ancora Over The River (1992-2017, non realizzata),<br /> The Gates (2005), il percorso di 30 chilometri di “portici” che<br /> ha attraversato il Central Park di New York, The Pont Neuf<br /> Wrapped (1985), l’imballaggio del più antico ponte di Parigi, e<br /> l’impacchettamento del Reichstag di Berlino (1995) .A questo<br /> nucleo centrale, si affiancano due sezioni. L’esposizione sarà<br /> accompagnata da un’inedita installazione sonora a cura del<br /> progetto Avant- dernière pensée. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.