Sfattoria, Tar Lazio annulla abbattimento di suini e cinghiali

Access to the comments Commenti
Di ANSA
La Asl dovrà fare accertamenti e riesaminare situazione
La Asl dovrà fare accertamenti e riesaminare situazione

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">ROMA</span>, 10 <span class="caps">OTT</span> – Il Tar del Lazio ha accolto il<br /> ricorso della “Sfattoria degli Ultimi”, annullando l’ordine<br /> dell’Asl di abbattimento dei suini e cinghiali, adottato l’8<br /> agosto scorso ai fini di controllo e prevenzione dell’epidemia<br /> di peste suina africana. Lo comunica il Tar in una nota. L’ordine di abbattimento dei suidi è stato ritenuto<br /> illegittimo in quanto la Asl avrebbe dovuto previamente valutare<br /> la possibilità di riconoscere alla struttura una deroga<br /> (all’abbattimento) giustificata dal fatto che essa è destinata<br /> concretamente a “rifugio per animali in difficoltà”,<br /> considerando anche il possibile “elevato valore culturale o<br /> educativo ai sensi dell’articolo 13 del regolamento delegato UE<br /> 2020/687”. Il parere del Ministero della salute – Commissario<br /> straordinario per la peste suina, pervenuto successivamente alla<br /> notifica dell’ordine di abbattimento, contrario al<br /> riconoscimento della deroga, ad avviso del Tar “non è supportato<br /> da un’adeguata istruttoria e non è correttamente motivato”.<br /> L’Asl, pertanto, dovrà riesaminare la situazione dopo avere<br /> effettuato gli approfondimenti ritenuti necessari dal Tar.<br /> (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.