This content is not available in your region

Le ultime dal fronte ucraino: chi avanza e chi no. Le accuse incrociate

Access to the comments Commenti
Di euronews con Ansa
Dal fronte ucraino
Dal fronte ucraino   -   Diritti d'autore  AFP   -  

Le truppe ucraine continuano ad avanzare nella regione di Kharkiv. Il fronte si avvicina alla città di Lysychansk. 

L'artiglieria russa non si concede soste e continua a colpire. E molti sono gli ucraini costretti alla fuga.

Volodymyr Zelensky, vanta l'avanzata dei militari ucraini: "Solo in questa settimana, i nostri soldati hanno liberato 776 chilometri quadrati di territorio nell'est del nostro paese e 29 insediamenti, di cui sei nella regione di Luhansk, annessi con il referendum farsa. In totale, 2.434 chilometri quadrati della nostra terra e 96 insediamenti sono già stati liberati dall'inizio di questa operazione offensiva". 

Gli appelli di Zelensky agli alleati a favore di attacchi preventivi contro la Russia sono stati bollati da Mosca come una richiesta di attacchi nucleari.

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov  da parte sua ha dichiarato:

"Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha invitato i suoi padroni occidentali a lanciare un attacco nucleare preventivo sulla Russia. Pertanto, quest'uomo ha dato un'altra prova di quali siano le minacce che arrivano da Kiev. contro cui è stata lanciata l'operazione militare speciale ".

Il prolungarsi della guerra aggrava la crisi umanitaria. Molte località, soprattutto tra quelle liberate dal controllo russo, devono sopravvivere grazie agli aiuti umanitari e talvolta mancano anche i servizi più elementari.

Gli ultimi bombardamenti in nottata

La città di Kharkiv è stata bombardata in serata: missili sono stati lanciati nel centro provocando numerosi incendi. Così su  telegram il sindaco Igor Terekhov. Sono stati colpiti - secondo le informazioni preliminari - una struttura sanitaria e un edificio non residenziale.  

 Mentre le forze armate ucraine hanno sparato sei razzi Himars sulla cittadina di Ilovaisk, nell'autoproclamata Repubblica Popolare di Donetsk (Dpr). Lo riporta la Tass. Secondo le autorità locali il bombardamento è avvenuto intorno a mezzanotte, ora di Mosca. I razzi sono stati lanciati dall'area di Umanskoye. Un deposito di carburante a Ilovaisk - secondo il sindaco della vicina città di Khatsyzsk, Viktoria Zhukova - è stato colpito ed ha preso fuoco. Restano da accertare eventuali altri danni a cose o persone. 

La Russia cancella festività natalizie

Le tradizionali celebrazioni di Natale e Capodanno a San Pietroburgo saranno annullate e tutti i fondi precedentemente stanziati per le festività saranno destinati a finanziare i volontari e le truppe mobilitate in Ucraina.

 "Durante una sessione con il governatore Alexander Beglov e i membri dell'amministrazione comunale è

stato deciso di cancellare gli eventi precedentemente programmati dedicati ai festeggiamenti per il nuovo anno", si legge nel comunicato dall'agenzia Tass. "Tutti i fondi disponibili saranno convogliati in uno speciale conto di San Pietroburgo che prevede l'acquisto di abiti e attrezzature supplementari per i volontari e i cittadini mobilitati", ha detto Beglov.

Anche il sindaco della città russa di Nizhny Novgorod, Yury Shalabayev, ha detto che le celebrazioni di Capodanno e Natale precedentemente programmate in città, compresi concerti e festeggiamenti, saranno cancellate e che tutti i mezzi finanziari precedentemente stanziati saranno destinati ad aiutare le famiglie dei cittadini russi mobilitati.