This content is not available in your region

La guerra del petrolio russo, l'Europa mette sul piatto rischi e benefici

Access to the comments Commenti
Di Shona Murray  & Euronews
La guerra del petrolio russo, l'Europa mette sul piatto rischi e benefici
Diritti d'autore  euronews   -  

Un ulteriore pacchetto di sanzioni russe, un tetto al prezzo del gas per far fronte all' inflazione e ai prezzi dell'energia in vista dell’inverno. Ospite di The Global Conversation  il vicepresidente della Commissione europea e commissario europeo per il commercio Valdis Dombrovskis

 Questa settimana l'UE e il G7 hanno annunciato un tetto massimo del prezzo globale per il petrolio russo. Si teme che si possa innescare un aumento dei prezzi e maggiore instabilità. Sarà possibile ottenere  l'effetto desiderato di incidere sulle entrate russe?

"In un certo senso - risponde Dombrovskis -  con questo tetto massimo di prezzo, (se verrà attuato almeno a livello di G7, ma forse anche a livello più ampio) da un lato priveremmo la Russia di entrate aggiuntive che potrebbero essere utilizzare per finanziare ulteriormente la guerra contro l'Ucraina,  dall'altro lato si  contribuirebbe a stabilizzare i prezzi complessivi del petrolio".

Ma credo che la preoccupazione sia che non tutti concordano al di fuori del G7 e dell'Unione: India, Cina, altri Paesi  forse si avvarranno del petrolio russo e pagheranno un prezzo più alto.

"In questo caso sappiamo che già ora la Russia vende il suo gas alla Cina e all'India con uno sconto significativo rispetto ai prezzi mondiali, probabilmente dovrà vendere con uno sconto ancora maggiore e non otterrà grande introito. L’obiettivo di ridurre la capacità della Russia di finanziare la sua macchina da guerra è effettivamente favorito dall'imposizione di un tetto ai prezzi".

Quindi, in sostanza, è influente a prescindere. Ci sarà un tetto al prezzo del gas russo in entrata nell'UE? Ovviamente parliamo non solo di petrolio, ma anche di gas.

" Se ne discute molto e abbiamo anche studiato come questo limite di prezzo possa essere effettivamente implementato. Quindi le discussioni su questo tema sono in corso. Probabilmente ci sono due rilievi. Il primo è che i volumi di gas russo che arrivano nell'UE stanno rapidamente diminuendo e, ad esempio, la Norvegia è il principale fornitore di gas dell'UE, non la Russia. In secondo luogo, quando discutiamo di questo tetto massimo di prezzo, è anche importante trattare i partner affidabili in modo diverso dalla Russia. Per esempio, la Norvegia ha fatto molto per aumentare le sue forniture di gas all'UE in un momento in cui ne avevamo davvero bisogno".

Sanzioni a parte,  e passando a come l'Unione può agire per affrontare la crisi energetica, abbiamo sentito la Presidente von der Leyen dire che ci sarà un tetto al prezzo del gas, al commercio del gas all'interno dell'Europa. Come funzionerà e come influirà sui prezzi del gas? Cosa si può fare per i consumatori?

"Si sta discutendo di un cosiddetto dynamic price cap, che seguirebbe i prezzi mondiali del gas con un certo, diciamo, premio in aggiunta ai prezzi mondiali per garantire la disponibilità di gas per l'UE".

Una corsa contro il tempo

A che punto sono i negoziati con i partner affidabili come la Norvegia per la creazione di una sorta di prezzo più basso per il gas?

Beh, naturalmente speriamo di concludere il prima possibile, ma trattandosi di negoziati, non possiamo fissare una scadenza perché è necessario che anche un'altra parte sia d'accordo. Ma naturalmente teniamo presente che è necessario farlo in tempi molto brevi perché stiamo affrontando la situazione di crisi."

Immagino che - a proposito di come gli Stati membri dell'UE hanno affrontato la situazione - la preoccupi la decisione tedesca di annunciare unilateralmente un piano energetico da 200 miliardi di euro? Pensa che sia una violazione della concorrenza leale? E suppongo  anche una violazione della solidarietà e dell'unità che abbiamo visto finora tra gli Stati membri...

Le misure tedesche , i dettagli ancora al vaglio del gOVERNO

"Beh, per quanto riguarda le misure tedesche , in effetti abbiamo discusso delle misure della Germania e di altri Paesi ieri all'ECOFIN. Il ministro delle Finanze tedesco Lindner ha presentato il pacchetto e ha anche sottolineato che il sostegno è destinato a durare diversi anni, quindi non è da utilizzare tutto subito e molte delle misure sono ancora  in fase di lavorazione. Quindi è ancora un po' aperta la questione di come verranno attuate esattamente".

Abbiamo visto ieri l'intervento dei commissari Breton e Gentiloni. C'è una sorta di spaccatura all'interno della commissione? Chiedono più solidarietà suppongo, in contrasto con la posizione della Germania.

"Ci sono una serie di meccanismi di solidarietà che sono già disponibili. Per fare qualche esempio, abbiamo ancora 225 miliardi di euro inutilizzati dai prestiti dello strumento di ripresa e resilienza. E proprio ieri i ministri delle finanze dell'ECOFIN hanno concordato la loro posizione in merito alla cosiddetta proposta REPowerEU, che da un lato accelererebbe l'utilizzo di questi 225 miliardi di euro e dall'altro metterebbe sul tavolo ulteriori 20 miliardi di euro in sovvenzioni per affrontare le attuali sfide energetiche".

Questa settimana abbiamo anche detto che non possiamo più escludere una contrazione della crescita economica. E anche la BCE dice che è in arrivo una recessione. È lo scenario più probabile?

"Quello che vediamo è che quest'anno, la prima metà dell'anno è stata piuttosto dura. E, se non altro, probabilmente rivedremo al rialzo le previsioni di crescita  dal 2,7%, che è la nostra previsione attuale. Tuttavia - prosegue il vicepresidente della commissione -  in questo momento stiamo assistendo a un rapido deterioramento del contesto, con indicatori di fiducia in rapida discesa. Direi quindi che le prospettive economiche dipenderanno  in larga misura anche da come riusciremo a gestire l'attuale crisi energetica. Se riusciremo a garantire forniture energetiche sufficienti, potremo evitare questo scenario. Quindi molto dipenderà dalla gestione della crisi energetica". 

Alla luce di tutto questo, delle preoccupazioni per l'alta inflazione legata all'energia, delle ulteriori sanzioni contro la Russia. Come può l'UE assicurarsi che i cittadini le sostengano?

"Beh, prima di tutto, in effetti, quello che stiamo affrontando ora sono le conseguenze dell'aggressione della Russia all'Ucraina , delle decisioni che la Russia sta prendendo. Quindi il modo migliore per mitigare le conseguenze della guerra è fermarla, perché prima riusciamo a fermarla, prima possiamo iniziare a riprenderci dalle sue conseguenze economiche . Da questo punto di vista è molto importante continuare a fornire sostegno all'Ucraina, sostegno militare e finanziario, dopo gli ultimi passi di Putin nell'escalation bellica."