Fuga dalle regioni annesse da Mosca, successi ucraini nel Donetsk

Access to the comments Commenti
Di Euronews
AP Photo
AP Photo   -   Diritti d'autore  Evgeniy Maloletka/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved

A poco a poco, la linea del fronte in Ucraina si sta spostando verso est: nel Donetsk, il villaggio di Sviyatohirsk dovrebbe essere di nuovo sotto il controllo ucraino, dopo che le unità russe sono state cacciate.

È stato riconquistato dagli ucraini, che vi si sono spinti dalla vicina Lyman: proprio qui, mentre si torna lentamente alla vita, si notano le prove della frettolosa ritirata degli invasori.

I corpi dei soldati russi giacciono sulle strade che portano fuori dalla città.

Le ultime vittorie dell'Ucraina non hanno tuttavia scoraggiato le rivendicazioni territoriali del Cremlino: l'annessione di quattro regioni occupate è stata approvata dalla Camera alta della Duma.

Mosca porta avanti la sua mobilitazione parziale, ma mentre le reclute seguono l'addestramento di base, alcuni sostengono che l'atteggiamento nei confronti della guerra stia cambiando in Russia.

"Ora che la situazione è cambiata - dice Denis Volkov, sociologo - molti sentono che la guerra potrebbe toccarli o ha già toccato loro e le loro famiglie.

Questo ha causato paura, un senso di incertezza: la gente dice che non è chiaro come pianificare la vita ora, quando non si sa cosa accadrà dopo".

In fuga dalla leva coatta

Nelle regioni occupate dell'Ucraina, i residenti lasciano la propria terra nel timore di essere arruolati per combattere con l'Esercito russo, contro il loro stesso Paese.

La loro fuga, però, è diventata più complicata dopo l'annessione della Russia: le autorità ucraine hanno accusato Mosca di aver impedito ai residenti di Kherson di lasciare le aree annesse "ad arte".

Evgeniy Maloletka/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
AP PhotoEvgeniy Maloletka/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved

Il vice capo del Consiglio regionale di Kherson, Serhii Khlan, ha dichiarato che "gli occupanti hanno effettivamente bloccato la possibilità di uscita dalla regione".

"Alla ricerca di uomini di età compresa tra i 18 e i 35 anni -dice Khlan - gli occupanti hanno iniziato a recarsi nelle case delle persone a Kherson e in altre città.

Non stanno distribuendo alcuna nota sulla leva e non parlano di alcun piano specifico, ma il loro obiettivo principale è quello di condurre un censimento degli uomini adulti".

I residenti di Zaporizhzhia, intanto, hanno bloccato il traffico in segno di protesta, perché non gli è stato permesso di tornare nelle città occupate dalla Russia.

I manifestanti sostengono di non poter attraversare i posti di blocco ucraini, perché i soldati impedirebbero il transito per motivi di sicurezza.