This content is not available in your region

Molti paesi non riconoscono i referendum-farsa di Mosca

Access to the comments Commenti
Di Alberto De Filippis
Image
Image   -   Diritti d'autore  AFP   -  

I membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite hanno denunciato la Russia martedì a seguito della sua affermazione secondo cui i residenti delle regioni ucraine occupate avrebbero sostenuto in modo schiacciante l'adesione a Mosca. L'Onu presenterà una risoluzione di condanna.

Parlando durante una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky ha affermato che l'Ucraina non può negoziare con la Russia su queste basi: "Il riconoscimento da parte della Russia degli pseudo-referendum come "regolari", l'attuazione del cosiddetto scenario di Crimea e l'ennesimo tentativo di annettere il territorio ucraino, significano che non c'è nulla di cui parlare con l'attuale presidente della Russia".

Mai nella storia una condanna così dura della Russia

Linda Thomas-Greenfield, ambasciatrice degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite, ha definito i referendum "falsi" e ha affermato che erano "predeterminati a Mosca". Anche il segretario di Stato americano Antony Blinken ha promesso martedì che l'Occidente non riconoscerà mai l'annessione russa del territorio ucraino.

Il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, ha espresso il suo sostegno all'Ucraina e ha affermato che i referendum sull'annessione organizzati da Mosca sono una "finzione" e "una palese violazione del diritto internazionale.

Jens Stoltenberg: "I falsi referendum, la retorica nucleare, combinati anche con la mobilitazione delle forze armate in Russia. Tutto questo è una grave escalation del conflitto".

Anche Giorgia Meloni rispondendo alle congratulazioni di Zelensky ripete il sostegno dell'Italia alla causa ucraina

I funzionari insediati da Mosca nelle regioni ora rivendicano il sostegno quasi totale tra coloro che hanno preso parte alle contestate votazioni sull'adesione alla Russia.

Libertà di voto?

Funzionari pro-Mosca hanno affermato che tutte e quattro le regioni occupate dell'Ucraina hanno votato per unirsi alla Russia. Secondo i funzionari elettorali insediati dalla Russia, il 93% dei voti espressi nella regione di Zaporizhzhia ha sostenuto l'annessione, così come l'87% nella regione di Kherson, il 98% nella regione di Luhansk e il 99% a Donetsk.

Il voto non è segreto

I referenda sono iniziati il ​​23 settembre, spesso con funzionari armati che si recavano porta a porta per raccogliere voti. Il quesito sulle schede chiedeva ai residenti se volevano che le aree fossero incorporate nella Russia.