This content is not available in your region

L'EuroPride di Belgrado spacca la Serbia: governo e Chiesa ortodossa contro gli attivisti LGBT

Access to the comments Commenti
Di Euronews Serbia - Edizione italiana: Cristiano Tassinari
Serbia, 2022.
Serbia, 2022.   -   Diritti d'autore  Claude Paris/AP   -  

L'EuroPride spacca la Serbia.

Le organizzazioni LGBTQ+ hanno protestato, oggi a Belgrado, contro la minaccia del governo serbo di vietare l'EuroPride 2022, la marcia europea annuale che si dovrebbe svolgere sabato prossimo, 17 settembre, proprio a Belgrado, al culmine di un'intera settimana di celebrazioni.

Ma per le strade della capitale serba, domenica, hanno marciato anche centinaia di persone contrarie all'EuroPride.

In caso di divieto, molti attivisti hanno annunciato che difficilmente si atterranno agli ordini delle autorità. Con il rischio di disordini. 

Intervistato da Euronews Serbia, Goran Miletic, coordinatore di EuroPride Belgrado, commenta: 
"Andremo sicuramente a marciare. Noi, come organizzatori, possiamo dire alle persone di non marciare, ma è già del tutto chiaro che gli attivisti sono scioccati dall'idea stessa che il Pride possa essere vietato".

Euronews Serbia
"Siamo scioccati dall'idea che il Pride possa essere vietato".Euronews Serbia

Sotto pressione il presidente serbo Aleksander Vučić e la premier Ana Brnabić
La loro principale preoccupazione è evitare disordini e scontri di piazza, che potrebbero minare la creazione di una nuova coalizione di governo e danneggiare ulteriormente il già difficile rapporto della Serbia con l'Unione europea.

Contro il Pride ha tuonato persino il Patriarca Porfirije, capo della Chiesa ortodossa serba:
"Non possiamo permettere che quell'ideologia cambi il modello di società con cui la nostra gente ha convissuto da quando ha conosciuto se stessa. Siamo già di fronte ai frutti dell'ingegneria silenziosa di questa ideologia LGBT".

Euronews Serbia
Il Patriarca Porfirije, capo della Chiesa ortodossa serba.Euronews Serbia

Il governo serbo - che già a fine agosto aveva manifestato l'intenzione di non far svolgere l'EuroPride - può vietare la marcia solo entro 96 ore (quattro giorni) prima dell'evento. Finora il ministro dell'Interno serbo non ha emesso alcun divieto ufficiale.
La posta in gioco per Vučić è alta.